Roma, blindare la difesa e sistemare il centrocampo: tutte le mosse di Monchi!

Monchi

E’ stata una settimana molto intensa in casa Roma. Usciti finalmente da una periodo di fuoco fra campionato, Coppa Italia ed Europa League, i giallorossi sono pronti a ri-cominciare per conservare il 2° posto e tentare l’impresa contro la Lazio. Molto importante sono state le vicende fuori dal campo, con le barriere in Curva Sud tolte e sopratutto il “quasi” annuncio del prossimo direttore sportivo: Ramon Rodriguez Verdejo, meglio conosciuto come Monchi.
Lo spagnolo, diventato famoso grazie alle sue grandi operazioni come dirigente del Siviglia (vincitrice di 3 Europa League consecutive) avrà il compito di portare a terine il percorso costruito da Walter Sabatini al fine di costruire finalmente una squadra che possa puntare seriamente ad obiettivi (e sopratutto trofei) importanti. Ma andiamo per ordine: reparto per reparto come agirà?

MonchiIn porta la Roma è messa molto bene: l’unico nodo da sciogliere è quello legato al portiere titolare, Szczesny, il cui futuro dipende dall’Arsenal. Gli ultimi respiri di mercato hanno evidenziato come i Gunners abbiano intenzione di cercare il colpo Rui Patricio, liberando di fatto il polacco. Se ci dovessero essere possibilità di trattenere il portiere per una cifra vantaggiosa, Monchi non dovrebbe esitare un attimo e prendersi quello che è di fatto il miglior estremo difensore della Roma negli ultimi 20 anni. In caso di cifre assurde o richieste pressanti degli inglesi la Roma avrebbe comunque le spalle coperte, visto che il secondo portiere Alisson si è dimostrato sicuramente affidabile nel corso di quest’anno, nonostante il poco minutaggio.

Soccer: Champions League; Roma-Bate BorisovLa difesa invece dovrebbe essere un punto fermo della rosa: l’unico dubbio dovrebbe riguardare Kostas Manolas, che potrebbe essere l’indiziato di quest’anno (ormai è una routine) a lasciare la capitale per far fronte ai gravi buchi economici della società. Non nascondiamo che il greco non sta affrontando la sua migliore stagione della carriera, anzi, ma è sicuramente l’elemento di maggiore spicco della retoguardia romanista e una sua cessione peserebbe moltissimo. Se ciò dovesse essere inevitabile, un investimento importante sarebbe d’obbligo, per cercare di attutire il colpo: un giocatore giovane ma con già esperienza sulle spalle, questo sarebbe l’identikit adatto. Per il resto non ci dovrebbero essere troppe sorprese (Rudiger e Fazio confermati), eccetto la probabile partenza di Vermaelen, il quale però potrebbe restare in caso di cambio di allenatore (il belga è ancora un giocatore con una certa fama). Anche sulle fasce la Roma, dopo tanti anni, è messa molto bene a livello numerico: sulla sinistra Palmieri ha finalmente convinto e Rui sta dimostrando di essere comunque affidabile (anche se, a causa dell’infortunio, ancora non è tornato quello dell’anno scorso), mentre a destra il titolare sarà ovviamente Florenzi, con la speranza di poter recuperare anche Bruno Peres.

AS Roma v Juventus FC  - Serie AIl centrocampo è il reparto che probabilmente verrà maggiormente toccato, anche se sembra che le operazioni siano già state portate a termine: via Paredes e Gerson, dentro Pellegrini e Kessié. A livello qualitativo la Roma ci guadagnerebbe molto, visto che il brasiliano non ha dimostrato di essere ancora adatto per il nostro calcio, mentre l’argentino, nonostante alcune buone cose dimostrate, una un valore di mercato troppo alto (ergo, plusvalenza baby!) per un calciatore che farebbe sì o no 20 presenze in una stagione. Pellegrini sarebbe un ottimo metronomo di rincalzo, oltre al fatto che è di fede giallorossa; al contrario Kessié dovrebbe agire più come vice Strootman, quindi come interno di centrocampo. Da valutare anche la situazione Grenier, il cui discorso è molto simile a quello per Vermaelen.

AS Roma v Liverpool FCPer quanto riguarda l’attacco cosa farà Monchi è ancora un mistero: sono molte infatti le variabili da considerare, a cominciare dalla situazione ali: l’unico sicuro di restare è infatti Salah, mentre sia Perotti che El Shaarawy potrebbero benissimo partire ma anche continuare l’avventura in giallorosso. Dagli ultimi rumors sembra che il nuovo ds abbia l’intenzione di prendere un altro esterno d’attacco per costruire una squadra da 4-3-3. Anche questo è tutto da vedere, sopratutto se Spalletti dovesse rimanere. Per il ruolo di punta Dzeko sarà sicuramente confermato, così come sicuramente verrà preso un vice, magari un giovanetalento capace di essere titolare nei prossimi anni quando il bosniaco, inevitabilmente, si arrenderà all’età.

Per ricevere sul telefono tutte le news riguardo la Roma, iscrivetevi al nostro canale telegram: telegram.me/RomaGoal24

 

Leave a Reply