Bologna si gode Adam Masina, ma occhio alle big pronte all’assalto

Masina, Bologna

La storia di Adam Masina è piena di alti e bassi caratterizzati da una prima infanzia non facile culminata con la consacrazione di questi ultimi turni del campionato di Serie A. Adam nasce il 2 gennaio del 1994 a circa 100km da Casablanca, città del Marocco che si affaccia sull’oceano e fondata dai portoghesi. Per una drammatica situazione famigliare viene adottato da una famiglia bolognese ed il suo primo approccio con il mondo del pallone avviene proprio con il settore giovanile del Bologna ma agli inizi, il giovane talento gioca da centravanti.

Nel 2013/2014 viene ceduto in prestito alla Giacomense squadra di quella categoria che una volta si chiamava seconda divisione. Il tecnico Fabio Gallo ritiene Adam un giocatore completo e lo vede sprecato come attaccante e anche per una ragione realizzativa, il mister lo prova come esterno nel 3-5-2 e poi come terzino in fase di copertura con una linea difensiva a 4. L’intuizione del mister frutta bene all’italo-marocchino che si trova bene a sgroppare sulla fascia e si cuce addosso un ruolo che ha pochi veri interpreti al giorno d’oggi. Le sue prestazioni permettono al Bologna di seguirlo con attenzione, visto il buon colpo di testa, il mancino preciso e lo spirito di sacrificio volto ad aiutare tutta la squadra, chiude la stagione con 15 presenze stagionali e viene richiamato alla base. Prima si fa notare nella primavera degli emiliani, fornendo ottime prestazioni, poi la decisione di Diego Lopez, allora allenatore del Bologna prima di Delio Rossi, di integrarlo alla prima squadra e di farlo esordire in Serie B il 12 Ottobre 2014, subentrando nelle grazie del mister e diventando un titolare inamovibile anche con il nuovo allenatore Delio Rossi concludendo la stagione con 28 presenze ed un gol nella serie cadetta.

Quest’anno il ragazzo non ha tradito le aspettative, confermandosi uno dei pochi giocatori validi per il ruolo di terzino sinistro in Italia. Dapprima con Rossi e ora con il sorprendente Donadoni, Adam si conquista la convocazione in nazionale under 21 e le attenzioni meritate dei top club italiani. Inter e Roma sono già sul calciatore e sicuramente verrà osservato con attenzione anche dalle altre squadre di vertice. Ieri tra l’altro, secondo gol in Serie A sotto il diluvio del Dall’Ara.

Leave a Reply