Italia, l’azzurro si tinge di verde: i nuovi 11 “titolari” per Ventura

gagliardini-557496

Non è un segreto che l’ultimo si sta rivelando un periodo felice per il calcio italiano, che dopo anni di vacche magre si trova improvvisamente fra le mani una generazione di giovani talenti. Alcuni, addirittura già fenomeni. Altri, non ancora ma con buone promesse. Giampiero Ventura gongola e sa di poter contare, rispetto ai predecessori, di un parco giocatori piuttosto ricco di alternative. Proviamo a immaginare come sarebbe una Nazionale italiana rinfrescata dagli innesti offerti da questo momento d’oro.

Portiere.

Gianluigi Donnarumma (18 anni): non si può non partire da lui. Il baby fenomeno del Milan è ormai l’erede designato di Gianluigi Buffon e potrebbe difendere la porta della Nazionale per un’era. Dispiace per i coetanei o ancor più giovani colleghi, che potrebbero non poter sognare di vestire quella casacca. Ma, quando c’è di mezzo un fenomeno, le cose vanno così.

Difensori.

Andrea Conti (23 anni): fra i talenti della straordinaria Atalanta di quest’anno. Terzino destro di ottima corsa e tecnica, ormai seguito da mezza Serie A.

Daniele Rugani (22 anni): alla Juventus continua a faticare dietro i colossi della BBC, ma l’ex-Empoli cerca di approfittare di tutte le occasioni che gli capitano. L’età è dalla sua, così come il talento: forte di testa e negli anticipi, se si completasse tecnicamente sarebbe già titolare fra i campioni d’Italia.

Alessio Romagnoli (22 anni): i 30 milioni di euro pagati dal Milan due estati fa ci fanno dimenticare quanto questo ragazzo sia stato precoce. Forte di testa ed elegante tecnicamente, gioca con l’intelligenza di un veterano. Se non ci saranno intoppi di sorta, sarà titolare della Nazionale per molto tempo.

Leonardo Spinazzola (23 anni): altro baby dell’Atalanta. Ha polmoni e grande vivacità, con una straordinaria duttilità tattica. È cresciuto calcisticamente nella Juventus e vorrebbe tornarvi. Qualche presenza in Nazionale potrebbe convincere i bianconeri a riporvi almeno un pensierino.

Centrocampisti.

Federico Bernardeschi (23 anni): l’enfant prodige della Fiorentina sta vivendo la sua stagione migliore, con 10 reti in 25 presenze. La sua polivalenza tattica (può giocare anche da attaccante) e il sinistro al furmicotone lo rendono sempre più oggetto di interessi di mercato. Su di lui Inter e Juventus, con i viola che non intendono cedere per meno di 40 milioni di euro.

Marco Verratti (24 anni): dei nomi fatti finora è quello più anziano (per modo di dire), ma la piccola differenza di età non può competere con la maggiore esperienza internazionale. Il centrocampista del PSG è ormai una stella, secondo alcuni l’erede nientemeno che di Andrès Iniesta. Il che è tutto dire.

Roberto Gagliardini (22 anni): la grande sorpresa dell’Inter. Arrivato a Milano dall’Atalanta (sempre lei) nel mercato di gennaio, il ragazzo si distingue per tecnica, sicurezza e bravura nel leggere le situazioni tattiche. Potrebbe migliorare in fase realizzativa. A quel punto diverrebbe già un punto fermo anche per Ventura.

Attaccanti.

Lorenzo Insigne (25 anni): gioca da così tanto tempo ad altissimi livelli da farci dimenticare la data di nascita sulla sua carta d’identità. Dotato di tecnica e di genio come pochissimi in questo periodo del nostro calcio, per diventare quello che tutti sperano dovrà acquisire ancora un po’ di continuità.

Andrea Belotti (23 anni): è il suo anno magico, con 22 gol in 28 gare disputate sinora. L’attaccante del Torino stupisce tutti per la rapacità in area di rigore, simile a quella di Filippo Inzaghi. Su di lui volano valutazioni astronomiche (c’è chi parla di 100 milioni di euro), di certo a seguirlo con attenzione sono parecchi fra i maggiori club europei.

Stephan El Shaarawy (24 anni): idem rispetto a Verratti e Insigne. Gioca da tanto tempo ad alti livelli, sembra un veterano e invece è un giovane calciatore con margini di miglioramento. Ha velocità, tecnica e un gran tiro. Al momento gli manca solo la fortuna: alla Roma non riesce a trovare tantissimo spazio, ma sarebbe titolare in mezza Serie A.

Leave a Reply