Bologna, la conferenza stampa di Roberto Donadoni

Donadoni2

In vista del match di domani contro il SassuoloRoberto Donadoni è intervenuto in conferenza stampa. Ecco le parole del tecnico del Bologna.

Sul nuovo modulo:

“Quando applichi un modello tattico diverso dal solito è normale che qualcosa non funzioni al meglio. Per fare qualcosa di nuovo c’è bisogno di lavorare di più ma è tutto più facile quando sei in un momento positivo. Domani dovremo darci dentro cattivi e convinti contro un avversario come il Sassuolo che è alla nostra portata. Scenderemo in campo senza timori reverenziali come quelli che possono esserci contro Napoli o Inter. Dovremo toglierci dalla testa le ragnatele di dover dimostrare qualcosa a qualcuno: limare undici piccoli dettagli vuol dire crescere tutti insieme”.

Sui tifosi che non ci saranno:

“Dobbiamo rispettare tutti ed ognuno e libero di prendere la posizione che ritiene più opportuna. Ovviamente li vorremmo sempre non noi, il fatto che non partecipino ad una trasferta comoda ci fa ancor più dispiacere e dovrà generare una reazione d’orgoglio per riportarli allo stadio nella prossima gara. La vittoria contro il Torino del 22 gennaio deve essere un modello da seguire per noi a livello di mentalità e atteggiamento. Se abbiamo fatto bene in passato possiamo farlo di nuovo anche in futuro”.

Sulla formazione:

 

“Destro ha fatto una settimana positiva, determinata e vogliosa con un atteggiamento anche sopra le righe che mi piace. Di Francesco sta bene e l’ho visto fisicamente pronto. Questa settimana faccio davvero fatica a tenere fuori qualcuno se non per problemi fisici. Gastaldello non si è mai allenato quindi non ci sarà”.

Sui giocatori beccati in discoteca:

“Lavoriamo sempre di fantasia in modo sbagliato, ero solo insoddisfatto di quello che avevo visto ma finiva tutto lì. Non può essere un pretesto per altre letture o manipolazioni mentali. Sappiamo che in un momento di difficoltà serve aiuto e non accanirsi, ma pochi danno una mano costruttiva: sono stanco di queste considerazioni e non ribatto più sul tema. In quello che hanno fatto i ragazzi non c’era nulla di sbagliato visto che volevano solo fare una cena. Se fossero stati a casa loro fino alle 3 del mattino nessuno avrebbe saputo nulla. Diamo peso alle cose che hanno davvero senso, conosco i miei ragazzi e sono in grado di leggere bene quello che mi dicono. Dal mio punto di vista non è successo nulla di grave”.

Per ricevere sul telefono tutte le news riguardo il Bologna, iscrivetevi al nostro canale telegram: telegram.me/BolognaGoal24

One Comment

Leave a Reply