#GiroDItalia – 4° tappa, exploit di Ulissi. Dumoulin di nuovo in rosa

c5e32c19-a0e1-4bdb-992f-fdcbe1c99cf5_medium_p

La quarta tappa del Giro d’Italia, la prima all’interno della penisola, premia il capitano della Lampre Diego Ulissi, che si impone per distacco nella Catanzaro – Praia a Mare di 200 km. La suggestiva cornice calabrese, peraltro, è teatro anche del cambio di leadership nella classifica generale, con Dumoulin che si riappropria della Maglia Rosa in danno del precedente detentore Kittel.

Una fuga di quattro uomini anima la frazione; tra gli aitanti e sguscianti corridori anche l’italiano Boem, che diviene altresì la nuova Maglia Azzurra riservata ai migliori scalatori. I quattro al comando vengono ripresi a 50 km dall’arrivo, per imput soprattutto del Team Katusha guidato dal russo Zakarin.

La svolta della tappa si verifica ai meno 15, allorquando la strategia di squadra della Lampre irrompe nella corsa. Il gregario Conti, previo abbandono del gruppo dei migliori, invita allo scatto il proprio capitano Ulissi, che brucia sul tempo tutti i rivali sullo strappo di via del Fortino sito a 10 chilometri dalla linea del traguardo. Il livornese incrementa il proprio vantaggio nel tratto più duro, con pendenze che raggiungono il 18 % e si impone dopo i successivi ottomila metri in leggera discesi. Sul podio anche Dumoulin, secondo e nuova Maglia Rosa, ed il connazionale olandese Kruijswijk.

Tra i ciclisti di alta classifica buonissime le performance degli attesi Nibali e Valverde; in difficoltà Meana, in flessione Amador che scivola via dalla top ten della classifica generale. Kittel, partito vestito di rosa e vincitore delle precedenti due tappe olandesi in linea, si arrende a venti chilometri dall’arrivo, pagando i due gran premi della montagna (di terza categoria) previsti dal circuito.

E oggi ben 233 km attendono il plotone. Dalla Calabria, partenza da Praia a Mare, alla Campania, con traguardo fissato nella sannita Benevento.

 

 

 

Leave a Reply