Hellas Verona, Toni: “Bello chiudere battendo la Juventus”

NAPOLI - VERONA

Luca Toni ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo la vittoria dell’Hellas Verona contro la Juventus, che ha rappresentato per l’attaccante italiano l’ultima presenza in Serie A: “Era difficile non emozionarsi stasera. Anche se è stata un’annata brutta, per me oggi è stata una serata particolare. Abbiamo chiuso al massimo con una vittoria contro la Juve per dare una gioia ai nostri tifosi”. Il rigore? “Sono arrivato davanti a Neto che giocava con me alla Fiorentina. Non sapevo dove tirarlo e ho fatto lo scavino. Se segni con lo scavino va bene, se non segni fai brutta figura”. Il tuo ritorno dagli Emirati. “Ero andato negli Emirati e son tornato. Non mi sentivo finito e son stati due anni molto belli. Son entrato nella storia nel Verona, ho vinto la classifica marcatori a 22 anni. Mi sono rimesso in gioco e dopo queste soddisfazioni era giusto smettere”. Hai sentito Totti? “Con Francesco ci sentiamo ogni tanto. Abbiamo una chat fra di noi che abbiamo vinto la Coppa del Mondo. Deve decidere lui, quando deciderà che è arrivato il momento di smettere, smetterà. Non posso dare consigli a Francesco”. Cosa c’è stato con Delneri? “Niente di particolare. Sicuramente non c’è stato un gran bel feeling, ma non è bello parlarne. Da questa annata ne usciamo tutti sconfitti perchè c’è stata una retrocessione. Tutti e due abbiamo fatto il possibile per salvarci, ma ne usciamo tutti sconfitti”. Cosa farai ora? “Non lo so. Parlerò col Verona e con il presidente. Alla città devo ancora qualcosa. Mi piacerebbe aiutare a portare in A il Verona perchè questa città e questa squadra merita la massima serie. Sennò, mi guarderò un po’ in giro perchè non credo che mia moglie mi voglia troppo per casa”.

Leave a Reply