#Approfondimento – Il Sassuolo ed un sogno chiamato Europa League

Sassuolo - Hellas Verona

Sassuolo è un piccolissimo comune italiano in provincia di Modena di circa 50 mila abitanti. Il Sassuolo, invece, è la più grande realtà del calcio italiano degli ultimi tempi. In tre anni di permanenza in Serie A, i neroverdi di mister Eusebio Di Francesco hanno saputo far innamorare moltissimi italiani grazie al loro gioco rapido ed innovativo che, dopo due anni di tranquillità nel massimo campionato sono vicinissimi al sogno dei sogni: l’approdo in Europa.

Gli emiliani attualmente occupano l’ottava posizione in classifica ad un solo punto dal settimo posto, attualmente occupato da un deludente Milan, che consentirebbe l’accesso, seppure tramite i preliminari all’Europa League.
Squadra cinica, bella da vedere, veloce, tecnica e, soprattutto piena di italiani in campo: nell’undici titolare di media sette sono italiani e su tre sostituzioni 2 sono nostrane. Un bell’esempio per squadre che scendono in campo giocando 11 stranieri contro 11 stranieri, e non faccio nomi….
Calendario alla mano l’impresa sembra possibile. I neroverdi giocheranno la prossima partita in casa contro l’ormai retrocesso Hellas Verona, poi fuori casa contro il Frosinone che, con tutta la buona volontà ha un piede e mezzo in Serie B, e l’ultima giornata la giocherà contro l’Inter in casa. Gli avversari sono molto ostici ma l’impresa è fattibile, anche perché il Milan di Brocchi è, ultimamente, in netto calo fisico e tecnico e dovrà sfidare nelle ultime tre giornate il Frosinone, il Bologna e la Roma all’ultima giornata. L’unico vantaggio che i milanisti potrebbero avere è il punto di vantaggio che separa le due formazioni.

Ma come fa il Sassuolo a puntare così in alto? Con quali mezzi? Il Sassuolo è l’innovazione del calcio italiano, una società tipica che organizza con anticipo la propria stagione, sfruttando le poche cessioni ( vedi Zaza la scorsa estate) per poi comprare tre o quattro giocatori giovani e amanti della filosofia del lavoro ( vedi Defrel e Politano). Il Sassuolo è la squadra della concretezza e della sobrietà: Consigli portiere non fenomenale ma dalla sicurezza garantita, al centro della difesa Acerbi garantisce solidità e goal, ben 4 in questa stagione, a centrocampo spiccano Duncan e Pellegrini per la giovinezza e la dinamicità e Missiroli, centrocampista recupera palloni ed incursore, per poi chiudere con l’attacco, brioso e veloce, con Defrel e Falcinelli punte centrali e la coppia che Sansone-Berardi sugli esterni che hanno sempre creato scompiglio tra le difese avversarie, riuscendo anche a segnare 7 goal a testa. Molto probabilmente, però, gli ultimi due in estate verranno ceduti ai top club che da tempo li corteggiano; infatti Berardi andrà alla Juventus per ben 25 milioni di euro e Sansone ha estimatori sia in Italia che in Bundesliga.
Il vero valore del Sassuolo però non sono solamente i calciatori che scendono in campo, infatti, sulla panchina degli stessi siede un tale Eusebio Di Francesco che è riuscito ad estrapolare ogni migliore caratteristica dai suoi uomini, riuscendo a far sognare un’intera provincia, anzi, tutta l’Italia. Il tecnico, autodefinitosi allievo di Dzenek Zeman, è un fedelissimo del 4-3-3 con tanta corsa e sacrificio dei suoi, preferendo il sacrificio e l’impegno e il lavoro alla tecnica pura di molti calciatori.
Questa squadra è pronta per il definitivo salto di qualità e per la consacrazione tra le migliori sette della Serie A.

Il Sassuolo in Europa League sarebbe il trionfo delle squadre piccole che riescono a trionfare quando nessuno se lo aspetta, come sta avvenendo in Inghilterra con il Leicester di Ranieri. Il Sassuolo in Europa League sarebbe un sogno di moltissimi tifosi ed appassionati di calcio e, per fortuna,i sogni delle volte diventano realtà…

Leave a Reply