Lazio-Hellas Verona 5-2, le dichiarazioni degli scaligeri

DELNERII

L’Hellas Verona capitola all’Olimpico contro la Lazio per 5-2. Gli uomini di Delneri giocano un ottimo primo tempo ma vengono puniti all’ultimo minuto dal diagonale di Matri. Da li in avanti cambia la partita e i biancocelesti dominano in lungo e in largo e il gol, del 3-2, di Luca Toni è solo una inutile speranza prima degli altri due gol dei padroni di casa.

Nel post gara ha parlato Gigi Delneri, ecco le parole del tecnico scaligero: “Per quello che si è visto nel primo tempo, la mia squadra meritava. Abbiamo difeso bene e avuto due occasioni importanti con Pazzini e Toni concedendo poco alla Lazio. Il terzo gol era in netto fuorigioco ma la reazione della squadra c’è stata e il quarto gol lo abbiamo concesso noi. La squadra ha pagato dazio a livello fisico perché i dieci giorni di partite continuative si sono fatti sentire anche in termini di intensità”. Cosa la fa ben sperare per il futuro? “Intanto il recupero delle energie psicologiche e il recupero degli infortunati. La fase difensiva del primo tempo è stata importante, abbiamo creato poco ma in maniera pericolosa. Abbiamo fatto quello che potevamo, e il quarto gol è arrivato con un palleggio sbagliato da noi a metà campo. Il terzo gol era in fuorigioco. La Lazio, comunque, ha meritato di vincere”. Come mai ha giocato Fares come terzino sinistro? “Volevamo poi rimettere la gara in sesto con un 3-5-2, lui ha lavorato spesso in fase difensiva abbastanza bene soprattutto nel primo tempo. I giocatori della Lazio creano problemi a tutti. Il suo ruolo comunque è un altro, oggi eravamo in emergenza”.

Anche il Ds Riccardo Bigoni ha rilasciato una dichiarazione: “Volevamo portare a casa qualche punto da questa trasferta.Abbiamo disputato un buon primo tempo, ma non siamo rientrati bene dall’intervallo. L’atteggiamento è stato positivo nella prima frazione, poi nella ripresa abbiamo avuto venti minuti di smarrimento. Loro davanti sono molto bravi, ma il loro terzo gol andava annullato. Ora dobbiamo tornare a pedalare”.

Leave a Reply