#ESCLUSIVA – Bucchioni: “Verona, Carpi e Frosinone maggiori indiziate per la retrocessione”

wpid-20150409_184509-11

All’interno della trasmissione GoalCafè, è intervenuto questa mattina Enzo Bucchioni, noto commentatore e opinionista italiano. Ecco le sue parole in esclusiva per RadioGoal24:

Come ha visto questo turno di Serie A?
Penso che si stiano delineando pian piano le gerarchie del campionato: a lottare per lo scudetto ci sono il Napoli, con il miglior gioco e un grandissimo giocatore come Higuain, e la Juventus, con una continuità mostruosa: la rimonta bianconera è stata incredibile, con 10 vittorie consecutive che le hanno permesso di tornare ai primi posti. L’Inter al contrario non ha una grande fase di gioco e se c’è un qualche giocatore fondamentale che non è in giornata fa molta fatica. Non vedo neanche la Fiorentina in grado di rimanere per molto tempo lassù. La Roma domenica non l’ho vista cambiata, mi è sembrata un altra partita con Garcia in panchina… Spalletti sotto questo punto di vista deve ancora lavorare molto. Comunque l’organico c’è e la Roma può recuperare. Bisognerà vedere nel discorso dei primi posti quanto inoltre influenzerà il fattore Champions.

Il Milan ha fatto una buona gara con la Fiorentina con una squadra molto ordinata, come la vede?
Concordo, Il Milan ha fatto un’ottima partita contro la Fiorentina, ma è stata aiutata dalla disastrosa prestazione della squadra Viola. I rossoneri devono fare molto di più, ancora fanno fatica in moltissime partite, si è visto nella partita contro il Carpi. Per vedere il valore effettivo della squadra serviranno prestazioni convincenti in maniera continua e con avversari più propositivi. Nonostante questo vedo difficile per i rossoneri, nonostante abbiano in rosa buoni elementi, lottare per i primi tre posti. La società dovrebbe muoversi, in tal caso, pesantemente sul mercato.

Pensa che per la questione retrocessione sia tutto già stabilito?
Per la gioia di Lotito penso di si. Oltre al Verona, che mi sembra ormai senza speranze e rassegnato alla retrocessione, penso che Frosinone e Carpi siano le maggiori indiziate per tornare in Serie B l’anno prossimo. Entrambe non hanno voluto rivoluzionare l’organico e, sebbene all’inizio ciò ha dato alcuni vantaggi, perché i giocatori giocavano a memoria in sistemi ormai collaudati, man mano che il campionato è avanzato i vari limiti di rosa sono venuti fuori. Questo è un campionato molto divertente nelle zone alte ma piuttosto prevedibile in quelle basse e questo fa pensare che sia necessario che il campionato torni a 18 squadre, per evitare che ogni anno ci siano squadre con rose non adatte per affrontare un campionato impegnativo come quello della Serie A

Leave a Reply