Inter, pronta l’offerta per Izzo. Ranocchia tra Bologna e Norwich

Izzo2

Si scalda anche il mercato in casa Inter. Mentre la squadra si trova a Dubai per disputare un amichevole contro il PSG, i dirigenti nerazzurri stanno sondando il terreno per alcuni calciatori, in attesa di piazzare qualche esubero in Italia o all’estero. I reparti più interessati in chiave mercato sono la difesa e l’attacco con Lavezzi e Izzo come possibili candidati a rinforzare la rosa interista. Mancini non chiede nulla dal mercato ma solo se ci dovessero essere delle uscite, allora vorrebbe che si intervenisse alla ricerca di rinforzi mirati. Lavezzi è da sempre un pupillo della dirigenza del biscione, ma nel corso degli anni non sono mai riusciti a concretizzare l’affare.

Su Izzo la questione è diversa. Sostanzialmente dipenderà tutto dalla partenza o meno dell’ex capitano Andrea Ranocchia, richiesto da Bologna e Norwich, squadra che milita nella Premier League inglese. Su di lui però, si fa forte il pressing del Siviglia che dopo aver preso Andreolli, vorrebbe prendere anche l’ex Bari, visto l’infortunio proprio di Andreolli, dopo che aveva ritrovato continuità ed una buona forma fisica. Il difensore, non trovando più spazio per via di Murillo e Miranda, chiede più spazio per riconquistarsi la maglia della nazionale in vista degli europei in Francia nel 2016. Ecco che l’ipotesi Bologna non è da scartare, visto che giocherebbe quasi sicuramente da titolare, ritrovando minuti e forma. Ma anche il Norwich potrebbe rivelarsi una scelta azzeccata, visto che i canarini d’oltre manica, sono pronti ad offrire ben 12 milioni per l’acquisto a titolo definitivo del difensore classe 1988. Dunque per l’acquisto di Izzo si dovrà aspettare la cessione di Ranocchia, ma il Genoa non vuole privarsi del difensore ex Avellino. La chiave per sbloccare la trattativa potrebbe essere il cartellino di Laxalt. Intanto continua la trattativa per Calleri del Boca Juniors. Essendo extracomunitario, l’Inter non potrebbe lasciarlo nella rosa e vorrebbe girarlo al Bologna per sei mesi, per poi reintegrarlo a fine stagione.

Leave a Reply