Roma Napoli 1-0, decide Pjanic

Pjanic decide il lunch match dell'Olimpico tra Roma e Napoli

Una Roma non eccelsa fa il minimo indispensabile per conquistare i tre punti e vincere lo scontro diretto col Napoli. Nel lunch match di questo sabato pasquale, i giallorossi si impongono sui partenopei con una rete nel primo tempo di Pjanic, che concretizza al massimo l’unica vera occasione della Roma in tutti i 90 minuti. Troppo blando e impreciso il Napoli per riuscire a recuperare il minimo svantaggio, che premia la squadra padrona di casa, che con questa vittoria, oltre a dare continuità al successo di Cesena, ridà i tre punti ai capitolini all’Olimpico, che mancavano dallo scorso novembre. Per gli azzurri quarta sconfitta consecutiva in classifica e crisi in campionato che continua.

Garcia sorprende tutti schierando Iturbe titolare e relegando sia Doumbia che Ibarbo in panchina. Benitez fa altrettanto, preferendo Britos a Koulibaly e De Guzman e Mertens insieme al posto di Hamsik e Gabbiadini. Primo tempo che parte con entrambe le squadre che si studiano. Roma fa possesso palla, senza però mai verticalizzare, il Napoli si copre pressando solo nella propria metà campo. La situazione si sblocca però al 25′, al primo affondo dei giallorossi. Florenzi sfonda sulla destra, cross basso al centro dell’area di rigore, dove da solo, con un piattone destro, Pjanic spiazza Andujar e porta la Roma in vantaggio. Il Napoli prova a reagire, ma la prima vera occasione arriva soltanto al 38′. Higuain da metà campo lancia lungo per Callejon, che defilato sulla destra si ferma e tocca dietro per l’accorrente De Guzman (evanescente nei primi 45′ minuti). Tiro di prima dell’evanescente olandese, intervento scomposto di Manolas che salva con un braccio (involontario). Nella ripartenza ci prova Ljajic, ma anche il giovane serbo è impreciso e il suo piatto destro finisce addirittura in fallo laterale. Negli ultimi minuti del primo tempo ci prova Higuain con un’azione personale, ma il suo tiro a giro sul secondo palo finisce alto sulla traversa.

Nella ripresa si ricomincia con gli stessi 22 uomini in campo. Il Napoli fa possesso palla con la Roma che aspetta nella sua metà campo. Ritmi però sempre bassi sul terreno di gioco. Ci prova soltanto Mertens, attivo sull’out di sinistra dell’attacco partenopeo, ma in tutte e due le occasioni al 52′ e 54′ la difesa giallorossa si salva. Benitez prova a cambiare: dentro Gabbiadini, fuori Callejon. E al 66′ è proprio l’ex doriano a procurarsi una ghiotta occasione. Cross di De Guzman, inserimento del nazionale di Conte che anticipa Manolas e devia verso la porta. Colpo di reni di De Sanctis, che smanaccia in corner. Anche Garcia corre ai ripari: fuori Pjanic, Florenzi e Holebas, dentro Paredes, Yanga Mbiwa e Ibarbo. Benitez toglie invece Higuain (spento) e De Guzman e prova le carte Zapata e Insigne (al rientro dopo l’infortunio). La musica non cambia. Ci prova ancora Mertens. Dribbling sulla trequarti, assist centrale a Gabbiadini, che dai sedici metri fallisce una ghiotta occasione tirando tra le mani di De Sanctis. Nel finale la Roma prova a raddoppiare, prima con Iturbe, che dribbla Andujar ma spara a lato, poi con Nainggolan, ma la sua conclusione è centrale. Nei quattro minuti di recupero il Napoli si getta nell’area di rigore dei giallorossi, ma non succede più nulla.

Roma a +9 sui partenopei, ormai lontani dalla zona Champions League.

Leave a Reply