Palermo, la conferenza stampa di Diego Bortoluzzi

Burnley v Swansea City - Premier League

La conferenza stampa del tecnico del Palermo:

“Il nostro primario obiettivo sembra quello di prendere meno gol possibili a partita? E’ chiaro che la ricerca di un equilibrio difensivo va sempre cercato. E’ uno degli obiettivi che mi ero posto nella prima partita e alla fine è stato raggiunto, perché abbiamo fatto 0-0Il non aver preso reti è da definire come un aspetto positivo. Poi è ovvio che bisogna anche proporre gioco e attaccare. Ma non aver incassato è stato un lato positivo.

L’avvicinamento alla gara:

Che settimana è stata per noi? Io ho pensato alla settimana da preparare sul campo. Io guardo solamente al campo, trovare l’equilibrio giusto in campo, in allenamento. Non deve importarmi altro (riferimento al passaggio di proprietà del club, ndr). In questa settimana abbiamo cercato di lavorare preparando la partita e migliorando l’aspetto della compattezza. Sto provando a inculcare la filosofia del dare il massimo: voglio il massimo dai miei uomini“.

Sul modulo:

“Non mi fate parlare della tattica. I miei giocatori sanno cosa faremo, vedrete domani contro la Lazio come ci disporremo in campo. Pezzella e Lo Faso? L’obiettivo mio e della squadra sarà anche quello di cercare elementi che diano qualcosa in più, qualcosa che è mancato fino ad ora. Lo Faso è entrato e ha fatto una grande prestazione contro il Bologna. I giovani, quando sono chiamati in causa, devono dare il massimo sfruttando la loro giovane età. L’importante è che questi giovani antepongano il bisogno della squadra a quelli propri: si gioca per il bene del collettivo, non per il proprio, chiaramente. Se ho visto con Baccin altri giovani della Primavera che possano fare il salto in Prima Squadra? Per ora è presto per parlare di questo, però ci sarà del tempo poi per farlo. Rispoli in campo? Beh, vi posso dire che qualcosa, rispetto al match col Bologna, cambierà tatticamente e dal punto di vista degli uomini. L’errore di Diamanti? Gli errori dipendono da tante cose e, come detto, nel calcio ci stanno. E’ un grande peccato perché una vittoria avrebbe dato una scossa alla squadra. Le partite non le prepariamo per evitare di perdere e dunque pareggiare, bensì per vincere, cercare di sconfiggere l’avversario. La partita, oggi, l’ho preparata per far male alla Lazio”.

Su Sallai e Balogh:

“Sono dei giovani e devono capire che devono andare avanti. Balogh l’ho cambiato perché non volevo perdere tempo. Sallai ha sbagliato a porta vuota? Sì, gli errori ci stanno nel calcio, mi aspetto che da parte di Sallai ci sia la voglia di riscattarsi e rifarsi”.

Sull’attacco:

“Nestorovski a secco ci danneggia? Abbiamo lavorato per riuscire a portare più gente in fase offensiva e a sostegno di Nestorovski. I centrocampisti mi stanno aiutando anche in fase offensiva, lo si è visto nella partita contro il Bologna. I giocatori, dal punto di vista agonistico, hanno finito in crescita quella gara: non capitava da tempo“.

Sulla partita:

“Come si fanno punti a Roma contro la Lazio? Bisogna cercare gli equilibri giusti e sfruttare i lati negativi e le debolezze della Lazio. Adesso non stiamo a parlare di risultato, mi servono intanto risposte sul piano della prestazione. Metteremo determinazione e voglia, poi il risultato, in caso, verrà da sé. Noi dobbiamo pensare a un finale di campionato positivo. La Lazio sta facendo un grande campionato. Vuole difendere il quarto posto e sono sicuro che vorrà fare il massimo da qui alla fine. Abbiamo analizzato le loro caratteristiche e sappiamo cosa concedono agli avversari. Poco, ma concedono”.

Su Zamparini:

“Non l’ho sentito dopo il match contro il Bologna: il presidente è Baccaglin”.

Sul portiere:

“Fulignati e Posavec per me partono alla pari: in vista di un programma futuro, io devo vederli ogni giorno della settimana. Voglio vedere le risposte prima di optare per l’uno o per l’altro. Voglio valutarli per bene da qui fino alla fine”.

Leave a Reply