Inter, la conferenza stampa di Stefano Pioli (LIVE)

pioli2

A due giorni dalla sfida con il Crotone, Stefano Pioli interverrà in conferenza stampa. Seguite le parole LIVE del tecnico dell’Inter. Per aggiornare la diretta basta premere F5!

“La frenata contro la Samp è stata dovuta al secondo tempo, non interpretato con grande lucidità. La sconfitta è pesante e ci ha deluso molto, ma il campionato non è finito, dobbiamo essere bravi e mi aspetto che la squadra trasformi la delusione in grande determinazione”.

Come mai Joao Mario ha giocato così poco quest’anno?

“Riguardo tutti i giocatori che hanno giocato poco, vuol dire che altri compagni stavano meglio. Joao Mario è un centrocampista completo che può fare tutti i ruoli a centrocampo”.

Icardi ha fatto capire che il discorso Champions è chiuso:

“La Champions era un sogno, difficilissima da raggiungere: la matematica dice che non è finita, ma non ci nascondiamo dietro i numeri. Ci si dimentica troppo facilmente il percorso che abbiamo fatto, l’ho detto alla squadra. Poteva essere spaventata dopo Israele, dopo Napoli, ma abbiamo fatto un lavoro che ci ha permesso di avere fondamenta importanti. Dobbiamo dimostrare di essere una squadra competitiva, di far parte di questa Inter e del futuro dell’Inter”.

Se toccherà a Brozovic, che reazione ti aspetti da lui?

“Non ho ancora deciso se giocherà, ho osservato bene lui e gli altri in questa settimana, anche a livello di sguardi. Un giocatore non può essere giudicato solo da un errore, è un giocatore con determinate caratteristiche”.

La tua gestione è partita molto bene in difesa, nelle ultime cinque non è stato così. Cosa è successo?

“E’ un problema di distanze: se ci allunghiamo e ci apriamo, ti lasci quasi sempre nei duelli individuali e quelli si possono anche perdere. Serve compattezza, solidità e dobbiamo subire qualche gol in meno”.

Questa settimana hai attaccato cartelli motivazionali in spogliatoio?

“Ho parlato molto in settimana, in questi giorni ci siamo soffermati in situazioni che abbiamo sbagliato nella ripresa contro la Samp”.

Dal punto di vista psicologico, come si affronta una partita come quella dello Scida?

“Non credo possa esserci questo dubbio, non possiamo essere distratti. Non arriviamo dal nostro momento migliore o da risultati che possono farti perdere concentrazione. Veniamo da una brutta sconfitta, è quasi un mese che non vinciamo una gara, sarebbe grave pensare alle successive partite e non ritenere molto molto importante la gara di Crotone. Voglio una squadra determinata, ma non accetto il discorso secondo cui il Crotone avrebbe più motivazioni di noi”.

Nelle ultime settimana si sono viste tracce del vecchio Brozovic, come mai?

“Il mani è un errore gravissimo, è così ed è pesato tanto nella sua prestazione e nella partita. Ma è rimasto nella partita, ha corso più di tutti e fatto passaggi chiave. E’ un giocatore con qualità, con ritmo, che deve trovare un equilibrio mentale migliore”.

Medel può tornare a centrocampo per la prima volta sotto la tua gestione?

“Oggi sono aperto a tutto, domani farò le scelte”.

Un punto solo nelle ultime settimane, forse questa squadra è sopravvalutata?

“Abbiamo rallentato nelle ultime due partite e le responsabilità sono nostre, forse il lavoro deve essere fatto con maggiore profondità. Fino a due partite fa però erano i numeri e voi stessi a dire che eravamo fortissimi. Le ultime due gare devono essere da lezione, devono darci ancora maggior cura dei particolari. Io sono convinto che siamo una squadra forte, non perfetta, ma forte”.

Nei giocatori c’è la consapevolezza di giocarsi una riconferma in queste ultime gare?

“E’ una cosa normalissima, tutti ci giochiamo il futuro. Me lo gioco io e se lo giocano i giocatori: bisogna di poterci stare a certi livelli, specie mentalmente. Abbiamo preso una bella legnata, inaspettata e che ci ha fatto male, ma dobbiamo reagire e finire il campionato in crescendo”.

In che posizione dovrebbe chiudere la squadra affinché lei si consideri un ‘potenziatore’?

“Non ho mai pensato alla posizione finale, dobbiamo pensare a fare il massimo e ottenere il massimo. I bilanci li faremo alla fine. Il 29 maggio ci guarderemo negli occhi e saremo in grado quello che siamo riusciti a fare”.

TERMINA QUI LA CONFERENZA STAMPA.

Per ricevere sul telefono tutte le news riguardo l’Inter, iscrivetevi al nostro canale telegram: telegram.me/InterGoal24

Leave a Reply