Europa League, la Top 11 dell’andata degli ottavi di finale

Tolisso

I primi 90 minuti degli ottavi di finale di Europa League non hanno certo risparmiato le sorprese. Il Manchester United costretto al pareggio su campo del Rostov, la larga vittoria esterna del Genk, la rimonta del Lione contro la Roma sono solo alcuni esempi delle emozioni vissute durante i match di ieri sera. Proviamo, nel nostro approfondimento, ad individuare la Top 11 dei giocatori che più ci hanno impressionato durante le partite di andata. Senza dimenticare che, per passare il turno, li aspettano altro 90 minuti di fuoco.

Top 11

 

Ruben Martinez: in porta abbiamo deciso di inserire l’unico portiere capace di tenere la propria porta involata nell’insidiosa trasferta contro l’Apoel, anche grazie all’aiuto della fortuna (una traversa colpita dai ciprioti). Le sue parate sono servite all’Anderlecht per sbancare il fortino del club cipriota, ancora imbattuto in Europa prima del match di ieri. Notevole anche la prestazione di Alisson contro il Lione, costretto però a raccogliere dalla sua porta ben quattro palloni.

Cesar Navas e Timofej Kalachev: Abbiamo deciso di premiare due elementi  della retroguardia del Rostov, capace di limitare la potenza di fuoco del Manchester United costringendo gli inglesi al punteggio finale di uno a uno, aiutati da un terreno di gioco non in perfette condizioni. Perfetto il lancio di Kalachev in occasione del gol del pareggio, siglato da Bukharov.

Cristophe Jallet: tanti gli elementi del Lione presenti in questa classifica. Jallet ha fronteggiato bene le incursioni di Emerson Palmieri e Nainggolan nella sua zona, garantendo un buon appoggio anche in fase offensiva.

Henrikh Mkhitaryan: servito da uno splendido assist di Ibrahimovic, realizza a porta vuota il gol che permette ai Red Devils di portarsi momentaneamente in vantaggio.

Esteban Cambiasso: il Cuchu torna a segnare in Europa. È il suo secondo gol nella competizione dopo aver punito anche gli svizzeri dello Young Boys nella fase a gironi: anche a 36 anni l’ex nerazzurro vuole continuare a giocare e stupire.

Leon Goretzka: nel derby tedesco contro il Borussia Monchengladbach il centrocampista tedesco serve uno splendido assist per Burgstaller (bravo poi ad incrociare la conclusione e battere il portiere avversario).

Corentin Tolisso: se la Juventus ha messo gli occhi da tempo sul centrocampista francese ci sarà un motivo, e ieri sera Tolisso ha mostrato a tutti le sue qualità. Premio di migliore in campo per la qualità delle sue giocate, è suo il gol del momentaneo due a due che aprirà poi la strada alla vittoria della formazione francese. Un vero dominatore del centrocampo.

Andreas Cornelius: il suo gol è decisivo per battere l’Ajax per due a uno. Perfetto il suo movimento sul primo palo ed il suo stacco per colpire di testa e battere il portiere avversario.

Mbwana Samatta: il venticinquenne attaccante del Genk è l’unico giocatore ad aver segnato una doppietta, decisiva per fissare il punteggio finale sul cinque a due nel derby belga contro il Gent.

Alexandre Lacazette: il sigillo del quattro a due è un gioiello su cui Alisson non può nulla. Nel secondo tempo fa impazzire i difensori giallorossi con la sua velocità e la sua tecnica che mette in mostra anche nello scambio che precede il gol di Tolisso. Immarcabile.

 

Leave a Reply