#ApprofondimentoRG24 – Torino, Belotti-Iago Falque per sognare l’Europa!

Udinese Calcio v Torino FC - Serie A

In questo approfondimento Radiogoal24 analizzerà l’operato del Torino di Sinisa Mihajlovic fino a questo punto della stagione. Doveroso quindi stilare i dati che i granata hanno ricavato nei match disputati in Serie A.

La squadra del Gran Torino ha a disposizione per questa stagione un organico assolutamente competente con 27 giocatori in rosa, di cui il 48% stranieri e 10 che militano nelle loro nazionali, ed alla guida un allenatore di esperienza come il serbo ed un attaccante in crescita come Andrea Belotti: il Gallo è il capocannoniere della squadra con 5 goal in 6 presenze ed è tra i giovani italiani più promettenti insieme a Marco Benassi, centrocampista abituato al goal e capitano della squadra già a 22 anni. Di fatto non è solo il giovane attaccante numero 9 a segnare tanto, perché insieme a lui c’è Iago Falque, attaccante spagnolo ex Roma, che nelle ultime due partite con goal ed assist ha affondato i suoi ex compagni e la Fiorentina. Tuttavia poco continuativa la squadra che, dotata di un buon aspetto di gioco, spesso non riesce ad approfittare delle situazioni favorevoli.
I dati ci mostrano che, oltre alle 3 vittorie, ha perso due volte ed altrettante volte ha pareggiato perlopiù con squadre di media-bassa classifica (escludendo ovviamente il 3-2 contro il Milan). Oltre all’attacco già analizzato, i granata hanno a disposizione un folto centrocampo con giocatori giovani come Valdifiori, ex Napoli, e Boyé, sorprendente centrocampista italo-argentino proveniente dal River Plate.
In difesa spicca l’ex bologna Rossettini con accanto il guerriero Leandro Castan, difensore brasiliano in ripresa dopo un’operazione al cervello che ha compromesso la sua avventura alla Roma.
Sulle fasce arretrate i più utilizzati sono Barreca (sinistra) e De Silvestri (destra) chiamato a sostituire un’assenza importante come quella di Bruno Peres che aveva già firmato una marcatura prima di trasferirsi.

La grandezza di questo team sta soprattutto negli acquisti di quest’estate partendo in primis dai due ex romanisti Iago Falque Adem Ljajic: mentre il serbo ha ancora difficoltà nell’incidere nei match, lo spagnolo ha trovato la sua dimensione ideale nella squadra di Mihajlovic che si traduce in goal ed assist; altrettanto importante è la presenza di Lucas Boyé, vera grande sorpresa di questa squadra che regala prestazioni legate ad un mix di grande fisicità e gesti tecnici.
Alla fine è giusto dare la maggior importanza però al reparto difensivo che nella sessione di mercato estiva il Torino ha completamente rivoluzionato: sulla sinistra ecco Barreca, giovane con tanta personalità con ancora alcune cose da perfezionare in fase difensiva; Rossettini, centrale difensivo ex Bologna: un misto di esperienza e fisicità che lo porta ad essere il saltatore di punta della sua squadra; Castan, un pò in affanno a causa dei sintomi della grave operazione alla testa che lo rende poco lucido, ma la grinta e la voglia di tornare in forma confermano il grande difensore che è; ed infine De Silvestri, non un terzino/ala come Peres, ma di sicuro da un contributo speciale in fase di ripiegamento che il brasiliano non prometteva.

Torino di grande spessore quello di questo inizio di campionato, a volte persino brillante nella sua compattezza. Riuscirà a qualificarsi per l’Europa?

Leave a Reply