#ApprofondimentoRG24 – Napoli, i risvolti positivi della cessione di Higuain

Napoli's Gonzalo Higuain celebrates after scoring against Fiorentina during their Italian Serie A soccer match in Naples

Higuain alla Juventus è sicuramente la trattativa dell’estate ma l’eventuale cessione da parte del Napoli avrebbe solamente risvolti negativi? In realtà ci sono diversi motivi che potrebbero aiutare i tifosi a digerire la partenza del pipita e la società di De Laurentiis a ripartire più forte senza l’attaccante argentino.

AC Milan's Zapata challenges Napoli's Higuain during their Italian Serie A soccer match at the San Siro stadium in Milan

Gonzalo Higuain durante il match col Milan

Innanzitutto la società azzurra potrebbe ricavare una cifra altissima, la tanto discussa clausola è fissata a 94.7 milioni di euro. Una somma che difficilmente potrà ricavare nella prossima stagione quando Higuain andrà in scadenza di contratto. Inoltre, la cessione dell’attaccante argentino permetterebbe di liberarsi di un ingaggio pesante e i soldi si potrebbero investire sul mercato su giocatori che piacciono a Sarri. I possibile obiettivi sono tanti, alcuni potrebbero arrivare proprio dalla stessa Juventus: Zaza e Pereyra ma anche il pallino dell’ex allenatore dell’Empoli Daniele Rugani. L’arrivo del giovane difensore potrebbe anche permettere la cessione di Kalidou  Koulibaly, richiestissimo in Premier per cifre vicino ai 40 milioni, e la possibilità di mettere da parte ulteriori fondi senza perdere certezze a livello difensivo.
Si potrebbe quindi investire su giovani giocatori, cercando magari di dar vita ad uno zoccolo duro italiano, con ingaggi che rientrano nei parametri del club e alzare la qualità della panchina che nella scorso campionato ha rappresentato il tallone d’Achille della squadra. Cambierebbe anche il futuro di un talento come Manolo Gabbiadini che nell’ultima stagione ha giocato poco, rimanendo spesso all’ombra del pipita e che potrebbe trovare più spazio. L’attaccante ex Sampdoria ha dimostrato, nelle poche chances avute, di vedere bene la porta e di saper integrarsi bene con il resto della squadra.

Un tesoretto che permetterebbe di concentrarsi anche su altri aspetti oltre il mercato. Si potrebbe investire una parte del budget sul rinnovamento delle strutture, sia a livello di prima squadra che per la primavera, un rimodernamento del centro sportivo ma anche la possibilità di risistemare il San Paolo. Un modo per avvicinarsi alle big europee che da anni ormai hanno investito e costruito su strutture moderne e performanti, ottenendo grandi vantaggi. Un modo per avere più appeal verso tutti quei giocatori che arrivano dall’estero e che sono ancora restii ad un trasferimento al Napoli.

Leave a Reply