Tour de France, 2^tappa: colpo doppio di Sagan, Contador in crisi

By 3 luglio 2016 News No Comments
sagan sprint seconda tappa tour 2016

Doveva essere una tappa ricca di emozioni, e la seconda frazione del Tour de France non ha deluso le aspettative. Lo slovacco Peter Sagan (Tinkoff-Saxo) è tornato a vincere nella Grand Boucle, vestendo per la prima volta la maglia gialla. Giornata difficile invece per il suo compagno di squadra Alberto Contador, coinvolto in un’altra caduta e attardato sul traguardo.

I 183 chilometri con arrivo a Cherbourg-en-Cotentin sono caratterizzati da una fuga già nelle prime battute, con Jasper Stuyven (Trek-Segafredo), Paul Voss, Cesare Benedetti (entrambi della Bora Argon-18) e Vegard Breen (Fortuneo – Vital Concept). Sul primo GPM è quest’ultimo ad avere la meglio, mentre sui due successivi Stuyven riesce ad anticipare i suoi avversari. I quattro acquisiscono un vantaggio superiore ai 7 minuti e procedono di comune accordo, sfruttando la poca collaborazione garantita dalle altre formazioni alla Dimension Data di Cavendish, l’unica a tenere il ritmo abbastanza alto.

In gruppo intanto una maxi caduta coinvolge tra gli altri Warren Barguil (Giant-Alpecin), Joaquim Rodriguez (Team Katusha) e Alberto Contador (Tinkoff-Saxo), che picchia la stessa spalla ferita ieri. Lo spagnolo rientra in gruppo con l’aiuto dei compagni, ma rimane dolorante. Il plotone arriva ad avere un ritardo di circa 3 minuti a una quindicina di chilometri dall’arrivo, quando si attivano BMC ed Etixx per ridurre il distacco. Tra i fuggitivi si stacca Benedetti, poi Stuyven parte con un’azione solitaria.

A meno di dieci chilometri dall’arrivo una foratura costringe Richie Porte (BMC) ad aspettare l’ammiraglia e perdere terreno nei confronti del gruppo. Sulla Cote de la Glacerie provano a partire Michael Valgren (Tinkoff-Saxo) e Tom-Jelte Slagter (Cannondale-Drapac), entrambi ripresi dal gruppo. In difficoltà la maglia gialla Mark Cavendish (Team Dimension Data) e Marcel Kittel (Etixx), così come Andrè Greipel (Lotto Soudal). Dopo un velleitario tentativo di allungo di Roman Kreuziger (Tinkoff-Saxo), Stuyven transita per primo sul GPM e si assicura i punti necessari per la maglia a pois. Qualche centinaio di metri dopo viene ripreso dal gruppo, ormai lanciato verso lo strappo finale.

Julien Alaphilippe (Etixx Quick-Step) prova a partire lungo ma Peter Sagan esce dalla sua ruota e beffa il francese, tornando a vincere al Tour de France dopo due anni di digiuno. In terza posizione si piazza Alejandro Valverde (Movistar), davanti a Daniel Martin (Etixx Quick-Step) e Michael Matthews (Orica BikeExchange). Giornata difficile per Contador, che accusa 47″ di ritardo arrivando sofferente per i postumi della nuova caduta. Ancora più in crisi Porte, che a causa della foratura paga 1’45” da Sagan. Vincenzo Nibali (Astana) perde 11 secondi dagli altri uomini di classifica, rimanendo vittima di un buco formatosi all’interno del gruppo.

Nella nuova classifica generale Peter Sagan precede Alaphilippe di 8 secondi e Valverde di 10, con Warren Barguil (Giant-Alpecin) che apre la serie di uomini di classifica distanziati di 14 secondi dal leader. Thibaut Pinot (FDJ) e Nibali inseguono invece a 25 secondi, Contador a 1’02” e Porte a 1’59”.

Leave a Reply