#UnCalcioAllaStoria – Milan, storie di allenatori

RAVAGLI - CASO RUBY: DA BERLUSCONI BONIFICI A MINETTI E SORELLE DE VIVO

Vincenzo Montella è il nuovo allenatore del Milan. Dopo una lunga serie di voci, di trattative e litigi , anche i rossoneri hanno il loro tecnico.

Montella già dallo scorso anno era sulle liste della società di Berlusconi, il matrimonio è stato fatto a distanza di un anno e con un Presidente non molto contento della decisione.

In questi anni proprio i malumori di Berlusconi hanno portato ad un grande valtzer sulla panchina della sua squadra: dopo l’esonero di Allegri si sono succeduti in ordine Sedorf, Inzaghi, Mihajlovic e Brocchi.

Siamo lontani dalle sette stagioni di fila di Carlo Ancelotti sulla panchina del Milan, infatti in questi anni la confusione ha regnato nella dirigenza rossonera.

Il Milan in panchina però ha sempre saputo portare grandi innovatori, negli anni ’50 tra Viani e Rocco si andò a perfezionare lo stile di gioco che sarà noto come catenaccio all’italiana; dopo una ventina d’anni arrivò il momento di Sacchi che porto in meno di 5 anni ben 10 trofei in più nella bacheca rossonera.

Dopo di lui in punta di piedi partì l’avventura tecnica di un certo Fabio Capello, che senza paura proseguì la grande stagione di successi sulla panchina del Milan.

Ancelotti e Allegri sono stati gli ultimi due a portare trofei in casa rossonera, il primo con un grande gioco ed una serie di campioni senza precedenti, il secondo grazie ad una campagna acquisti importante insieme ad Ibra portò il Milan all’ultimo scudetto.

Dopo una serie di lunghi insuccessi, in questi ultimi anni, il Milan deve ripartire e Montella ha messo d’accordo tutti o quasi.

Leave a Reply