#Approfondimento – Kingsley Coman, 19 anni e già tre Scudetti vinti

SV Darmstadt 98 vs FC Bayern Munich

Paris Saint Germain, Juventus e Bayern Monaco in ultimo. Ecco le tre squadre con cui Kingsley Coman ha giocato da professionista e che lo hanno portato da subito alla gloria: tre squadre diverse e tre scudetti. Tutto ciò a 20 anni da compiere a giugno…

L’esterno offensivo francese classe ’96, soprannominato in patria “The King”, a soli 16 anni ed otto mesi esordisce in Ligue 1 nella stagione 2013-2014 con la maglia del PSG, divenendo il giocatore più giovane ad esordire nel campionato francese; a fine campionato colleziona 3 presenze e molte panchine ma, soprattutto, riesce a vincere con i suoi compagni il campionato, il terzo della storia del team parigino.

La stagione seguente Coman passa da svincolato alla Juventus su desiderio esplicito di Massimiliano Allegri, raggiungendo il suo compagno di nazionale ed amico Paul Pogba. A 18 anni esordisce in Serie A nella partita inaugurale vinta dalla Juventus contro il Chievo Verona e nel gennaio successivo riesce a segnare la prima rete con i bianconeri.
L’esperienza a Torino dura solamente un anno e, pur non facendo parte dei titolarissimi di mister Allegri, Coman riesce a vincere lo Scudetto e la Coppa Italia, giocando anche se per qualche minuto la finale di Champions League persa contro il Barcellona. Insomma, il francesino sembra essere un altro talento straniero della nostra Serie A, pronto a far innamorare i migliori (e più ricchi) top club europei…E così è stato.
Il 30 agosto si trasferisce al Bayern Monaco per una cifra complessiva di circa 28 milioni di euro e, ricordiamolo a soli 19 anni compiuti da un solo mese.
In Bavaria il suo talento emerge e Coman riesce a surclassare nelle gerarchie di Pep Guardiola certi “giocatorini” del calibro di Gotze, Robben e Ribery, gli ultimi due tartassati da fastidiosi e frequenti infortuni muscolari. Un mix esplosivo di velocità, dribbling, tiro, audacia e coraggio giovanile che, molto probabilmente gli hanno permesso di affrontare molte difficoltà con spensieratezza e forse con un pizzico di fortuna. Ma se il Dio del calcio non premiasse queste caratteristiche, probabilmente sarebbe uno sport molto più noioso… E neanche a dirlo Kingsley Coman conquista il terzo Scudetto consecutivo, dopo quello vinto in Francia ed in Italia a soli 19 anni; un’impresa riuscita veramente a pochissimi.

Il francesino si appresta a diventare uno dei più importanti e talentuosi attaccanti della nuova generazione; rapido nei movimenti, grintoso, amante del dribbling e, soprattutto, vincente fin da subito con i propri club e tra qualche settimana avrà la possibilità di mettersi in mostra davanti a tutta l’Europa con la sua Francia, infatti, sarà un titolare della formazione del Ct Didier Deschamps.

Egalitè, fraternitè, Kingsley Coman.

Leave a Reply