#WeeklyReport – 10 con Lode al Leicester, 9 allo sconfitto Tottenham

Newcastle United v Leicester City - Premier League

VOTO 10 CON LODE al Leicester City. Per questa puntata di WeeklyReport, abbiamo aggiunto occasionalmente il 10 con Lode al più grande miracolo calcistico degli ultimi 20 anni. Il Leicester è campione d’Inghilterra, ME-RI-TA-TA-MEN-TE! Tutti, dal magazziniere, ai tifosi, tutti quanti sono artefici di questo incredibile colpo. L’umiltà e il lavoro pagano sempre, se la si mantiene per tutta la durata del campionato. L’esperienza del Leicester ha fatto milioni di tifosi in tutto il mondo, grazie Foxes, grazie Claudio Ranieri.
SEMPLICEMENTE FANTASTICI

VOTO 10 al Crotone. Se da una parte dell’europa ci sono le Foxes, noi abbiamo il Crotone, pur essendo di un’altra categoria, noi la favola calabrese ce la teniamo stretta! Il lavoro di Juric è stato semplicemente incredibile, raggiungendo l’apice venerdì scorso, centrando una storica promozione in Serie A. I meriti però vanno suddivisi anche in questo caso, tra allenatore e staff, tifosi, calciatori e società, una delle poche che lavora da sempre con i migliori giovani del calcio italiano, valorizzandoli nella serie cadetta. Grandissimo merito a tutto il Crotone!
MAGNIFICI

VOTO 9 al Tottenham. Nonostante abbia perso la possibilità di vincere la Premier League, la squadra di Pochettino è veramente un armata incredibile con prospettive di alto livello se consideriamo tutti i giovani lanciati dalla squadra del Nord di Londra. Purtroppo per loro sono incappati nel miracolo Leicester che ha definitivamente troncato le gambe alle speranze di titolo degli Spurs. Ora testa bassa e si pensa a chiudere al meglio questa stagione, confermando il secondo posto e cercando di pianificare una stagione che si prospetta di alto livello.
SFORTUNATI

VOTO 8 al Sassuolo. Avanti, sfidiamo chiunque di voi a dire che si sarebbe aspettato un Sassuolo incredibile come questo. Qualità, quantità e spettacolo, questa è la ricetta del Sassuolo di Eusebio Di Francesco, che con una squadra mediocre, sta riscrivendo le pagine del calcio italiano. Speriamo solo che questa bella favola non si interrompa troppo presto e che possa crescere insieme al calcio italiano.
UNICI

VOTO 7 a Luciano Spalletti e a Francesco Totti. Il tecnico toscano ha riportato la Roma, veramente al centro del progetto calcistico della società, oscurando quel mito di Totti che di tanto in tanto continua a brillare e a farci vedere cose incredibili. Questo è il fulcro di tutta la questione, pensare più alla squadra e al bene della società, che non solo ad un singolo calciatore, che si tratti di Totti o no e questo sembra averlo capito anche il capitano giallorosso, pronto a rinnovare il contratto con il club, e facendo il proprio dovere quando viene chiamato in causa. Spalletti e Totti stanno pian piano riportando la Roma ai vertici del calcio italiano.
LA COPPIA CHE SCOPPIA

VOTO 6 al tecnico del Palermo, Davide Ballardini. Critiche, cambia di allenatore, esoneri, giocatori che gli remano contro, tutto questo non basta per abbattere Davide Ballardini, condottiero del Palermo che dopo esser stato richiamato sulla panchina dei Rosanero, ha ridato gioco e vittorie alla squadra siciliana. Grande, anzi, grandissimo merito va dato ai calciatori che hanno saputo accoglierlo nuovamente, dandogli fiducia e leadership. Quanto alla dirigenza un “No Comment” è più che d’obbligo.
SAN DAVIDE

VOTO 5 all’Inter. Come già detto da Mancini: “A questa squadra manca brillantezza, manovra e concentrazione. L’approccio iniziale alla partita è stato pessimo e alcuni di loro devo ricordarsi costantemente che giocano per l’Inter!“. Questo è il riassunto del tecnico dell’Inter Roberto Mancini, sulla situazione Nerazzurra, incapace di vincere contro una Lazio mediocre. Per puntare alla Champions o allo scudetto serve ben altro.
SENZA SPIRITO

VOTO 4 a Daniil Kvjat. Cioè, fateci capire bene, tampona per tre volte un’altra macchina ed è considerato un pilota? La sfuriata di Sebastian Vettel durante il team radio nel momento della terza collisione con il pilota russo è l’espressione più azzeccata del disastro di Kvjat (consigliamo vivamente di rivedervi quel momento).
CONFUSIONE TOTALE

VOTO 3 al Milan. Non si può parlare solo di crisi calcistica, ma di una vera è propria distruzione di un marchio storico come quello del Milan, da sempre padrone in Europa e in Italia. Forse l’unica soluzione sarebbe quella della svendita totale e della rifondazione societaria, coinvolgendo chi ha fatto veramente la storia rossonera come Maldini, Sacchi e Boban, persone capaci e grandi conoscitori di calcio.
ALLO SBANDO

VOTO 2 ai top club d’Inghilterra, incapaci di seguire l’onda d’urto Leicester e rovinare l’ennesima stagione fatta di soldi buttati all’aria. Le grandi sorelle d’Inghilterra (Chelsea, Man United, Man City e Arsenal) si sono giocate la possibilità di ripartire alla grande, ma ora dovranno fare i conti con il futuro e con i propri tifosi.
PAPERONI

VOTO 1 alla nostra Serie A, sempre meno avvincente. Paradossalmente, il campionato spagnolo si è arricchito rispetto al nostro campionato, contribuendo insieme al Leicester, a tenere incollati i telespettatori in attesa di capire chi vincerà il titolo, cosa pressoché scontata se si guarda indietro nel tempo di circa 1 mese e mezzo. La Serie a va rifondata, con nuovi stadi, nuovi centri di allenamento, nuove regole che valorizzino il NOSTRO calcio e che coinvolgano più persone possibili a seguire la propria squadra del cuore. Urgono provvedimenti urgenti!
NOIOSA

Leave a Reply