#Approfondimento – Quattro giornate al cardiopalma per la Liga: 3 squadre in un punto

logo-liga-2

La Liga spagnola può essere considerata come il campionato dei fenomeni. Le tre squadre che comandano la classifica, infatti, non sono solo le migliori in Spagna, ma nel mondo intero. La stragrande differenza tra queste tre, BarcellonaAtletico MadridReal Madrid, e le restanti 17 squadre rende questo campionato abbastanza povero di sorprese, ma nonostante questo, la grande qualità delle prime riesce a regalare grandi emozioni calcistiche.

L’attuale situazione dell’alta classifica vede il Barcellona di Luis Enrique primeggiare con 79 punti insieme allo straordinario Atletico Madrid di Diego Simeone, a seguire, ad un solo punto di distanza, c’è il Real Madrid guidato dal neo tecnico Zinedine Zidane. Per il quarto posto, con un distacco nettissimo dai Blancos, c’è invece il Villareal con 60 punti, a +5 dall’Atletico BilbaoCelta Vigo.
Oltre alla classifica della massima serie spagnola, anche il primato della classifica marcatori, al momento primeggiata dal portoghese Cristiano Ronaldo,  è molto combattuto.

Ecco i primi 10 marcatori della Liga spagnola:
Cristiano Ronaldo (31), Luis Suarez (30), Lionel Messi (24), Karim Benzema (23), Neymar (22), Antoine Griezmann (20), Borja Bastos, Aritz Aduriz, Rubén Castro (17), Gareth Bale, Lucas (16), Kevin Gameiro (15), Imanol Agirretxe (13).

Mancano quattro giornate alla fine del campionato e tutto è ancora in discussione.
Ecco cosa aspetta alle prime tre della classe in questo finale di stagione: 

Qui Barcellona: nonostante la grande vittoria per 8-0 contro un imbarazzante Deportivo La Coruna, è molto criticato in questo periodo il Barca di Luis Enrique che, oltre all’eliminazione dalla Champions League, ha accumulato quattro risultati negativi: il pareggio contro il Villareal, la sconfitta del Clasico per 1-2, la clamorosa disfatta contro la Real Sociedad e la sconfitta in casa contro il Valencia. Non accadeva addirittura dal 2003. Tuttavia i Blaugrana sono ancora in vetta e devono cercare di vincere tutte e quattro le partite rimanenti: Sporting Gijon (casa), Betis Siviglia (ospite), il derby con l’Espanyol e la partita fuori casa contro il Granada.

Qui Atletico Madrid: Al contrario dei Blaugrana, l’Atletico di Simeone sta lottando con tutte le sue forze per arrivare allo scudetto. Il grande carisma del Cholo riesce a trascinare con sè l’ambiente madrileno e a proiettarlo a livelli spaventosi. Grazie a lui è rinato Fernando Torres, che nelle avventure con Chelsea Milan ha deluso parecchio, e Griezmann  che è uno dei migliori marcatori della Liga. Ora i Colchoneros sono a 79 punti insieme al Barcellona ma hanno lo scontro diretto con i Blaugrana a sfavore, perciò, in queste ultime quattro partite, devono tentare il sorpasso netto dei catalani facendo comunque attenzione al Real Madrid che è un punto dietro: Malaga (casa), Rayo Vallecano (casa), Levante (ospite) e Celta Vigo (casa).

Qui Real Madrid: Davvero impressionante il ritmo dei Galacticos allenati dall’ex giocatore Zinedine Zidane che sono risorti dalle ceneri del Real Madrid di Rafael Benitez per poi scalare la classifica a velocità esponenziale. Merito di questa risalita è sicuramente dalla stella più brillante dei BlancosCristiano Ronaldo, che con i suoi 31 gol si posiziona provvisoriamente in prima posizione nella classifica marcatori, a +1 da Luis Suarez del Barca. La squadra allenata dal tecnico francese ora si trova a 78 punti, un punto dietro ai rivali del Barcellona e Atletico Madrid, ma avendo lo scontro diretto con entrambe a sfavore, deve tentare il sorpasso netto in questi ultimi confronti: Rayo Vallecano (ospite), Real Sociedad (ospite), Valencia (casa) e Deportivo La Coruna (ospite).

Leave a Reply