#WeeklyReport – 10 al condottiero Guidolin, 1 al Palermo e 2 al Milan

Swansea City v Aston Villa - Premier League

VOTO 10 a Francesco Guidolin, condottiero dello Swansea in Premier League. Dopo Claudio Ranieri ecco che un altro italiano sta conquistando un altra città britannica dopo che per certi versi la squadra rischiava profondamente di finire nella Serie B inglese. La storia di Guidolin allo Swansea è nettamente diversa da quella di Ranieri al Leicester ma le soddisfazioni rimangono quasi le stesse. Arrivato dopo che la squadra gallese sprofondò in penultima posizione, Guidolin non applicò la consueta rivoluzione, ma concentrò il suo lavoro piuttosto sulla motivazione dei singoli calciatori. Risultato? 6 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte, guadagnando così il 12 posto in classifica e la salvezza ormai certa!
SALVATORE DEL GALLES

VOTO 9 alle lacrime di Claudio Ranieri. Essere in vetta alla Premier con 7 punti di vantaggio sulla seconda a 5 giornate dal termine è un impresa da titani se pensiamo che ha tirato su una squadra che si salvò all’ultima giornata del campionato scorso. L’imperatore Claudio è arrivato alla sua consacrazione. Tutti ora siamo tifosi del Leicester, tutti ora facciamo il tifo per Claudio!
IMPERATORE MASSIMO

VOTO 8 alla Juventus. Una macchina perfetta che vince anche partite sporche come l’ultima contro il Milan malcapitato. Grande merito va sempre dato a Gigi Buffon, autore di alcune strepitose parate che hanno consentito ai bianconeri di rimanere a galla fino al gol di Pogba, sempre più decisivo ai fini del campionato. Peccato per le altre squadre, finché ci saranno loro sarà difficile vincere qualcosa in Italia.
SEMPLICEMENTE I PIU’ FORTI

VOTO 7 al Chievo Verona. Vi siete accorti che il Chievo è in 9° posizione a ridosso del 6° posto occupato dal Milan? Certo, davanti ci sono anche Sassuolo e Lazio, ma per una cosa o per l’altra, il Chievo è nettamente la squadra più in forma tra le tre inseguitrici dei rossoneri. Pur non avendo una rosa di altissimo livello, la squadra di Maran gioca, si sacrifica e ci mette il cuore che serve per vincere contro una rivale come il Carpi, in una di quelle partite che sembrano facili, ma che nascondono insidie da tutti i lati. Inoltre oggi è il compleanno del capitano dei gialloblu, Sergio Pellissier, simbolo di un quartiere che sovrasta un intera città, auguri Sergio!
CUORE E SACRIFICIO

VOTO 6 a Simone Inzaghi. Buona la prima verrebbe da dire per il fratello minore di PippoGol, ma considerando tutti i problemi dell’avversario il risultato finale non fa tanto scalpore. C’è da dire però che presentarsi alla prima uscita da allenatore con un netto 3-0 fa sempre piacere, soprattutto se arrivi dopo un ottimo allenatore come Pioli. Speriamo solo che Simone conquisti anche la dirigenza della Lazio e che resti per più di due anni! Auguri Simone
BUONA LA PRIMA

VOTO 5 al Barcellona. Aspettate, non tirate conclusioni affrettate, il Barça è sempre il Barça. La sconfitta rimediata contro la Real Sociedad però, potrebbe influire sulla parte finale della stagione. Il fattore forse è uno solo: stanchezza! Allo stadio Anoeta abbiamo assistito ad uno dei peggiori Barça degli ultimi tempi, evidenziando una stanchezza fisica che ovviamente ci sta tutta, ma che non ti aspetti da una squadra così. Oltre alla pura stanchezza fisica, la sconfitta contro il Real nel clasico potrebbe aver destabilizzato la concentrazione degli Azulgrana, minando così la fame di conquista in Spagna e in Europa.
SPENTI

VOTO 4 alla Fiorentina. Sousa forse non l’aveva detto in maniera esplicita, ma aveva lasciato intendere che senza i rinforzi giusti nel mercato di invernale, la squadra non avrebbe tenuto il ritmo delle altre come Roma, Napoli e Juve e che sarebbe precipitata in maniera del tutto normale. Detto fatto, la Viola è irriconoscibile e sta pian piano scivolando in classifica. A Febbraio il distacco dalla Juventus era di 7 punti mentre ora è di 20. Forse il tecnico portoghese aveva ragione?
DALLE STELLE ALLE STALLE

VOTO 3 a Rafa Benitez, per niente salvatore del Newcastle. Con ogni probabilità i Magpies finiranno in Championship pur avendo speso circa 110 milioni di euro in due sessioni di calciomercato. Diciamola tutta, non è certamente tutta colpa di Benitez, ma analizzando la stagione dell’allenatore spagnolo, non possiamo che non attribuirgli questo brutto voto. Accolto come il salvatore della patria, Benitez non ha saputo dare quella marcia in più che i tifosi del Newcastle speravano di scorgere al termine della stagione.
STAGIONE DA BUTTARE

VOTO 2 al Milan. L’esonero di Mihajlovic è una boiata pazzesca che è preceduta solo dagli esoneri lampo di Zamparini al Palermo e con questo non c’è bisogno di aggiungere altro.
SENZA SENSO

VOTO 1 al Palermo. 7 allenatori diversi in una stagione, un qualcosa di veramente incredibile che non si era mai visto prima e che solo da Maurizio Zamparini ci si poteva aspettare. Una barzelletta che rischia di costare caro ai tifosi palermitani.
#ZAMPARINIOUT

Leave a Reply