Atalanta, Borriello: “Rimpianti? Non aver giocato con Totti”

Calciomercato: Eder e Perotti, pochi soldi e pochi colpi

Svela il motivo del suo addio al Carpi e del conseguente passeggio all’ Atalanta Marco Borriello, attaccante dal passato importante e con un presente ancora da protagonista a Bergamo che ha deciso di raccontarsi al Corriere della Sera: “Ho voluto rimettermi in gioco. A Carpi stavo disputando un ottimo campionato ma con l’addio di Sogliano sono stati congedati tutti i giocatori che aveva portato. All’Atalanta fatico a trovare spazio perché ci sono gerarchie da rispettare. Però mi sento pronto: ho segnato con ogni maglia e lo farò anche qui se mi offriranno una possibilità” . 

A chi gli chiede poi se avesse voluto prendere strade diverse nella sua lunga e variegata carriera, il bomber napoletano risponde così: “Il più grande rimpianto del mia carriera è stato non giocare con Totti, hanno sempre considerato l’uno alternativa all’altro, insieme invece avremmo potuto fare sfracelli. Gasperini è l’allenatore che mi ha fatto crescere di più, mi ha responsabilizzato: con lui ho segnato 19 gol in campionato. Il Milan è la società dove sono nato e cresciuto calcisticamente, in cui sono maturato come uomo e giocatore. Milano è la città dove ho scelto di vivere e dove ho lasciato amici che incontro ancora, da Costacurta ad Ambrosini. Addio traumatico? Sapevo che con l’arrivo di Ibrahimovic avrei visto poco il campo. Mi sono rimesso in gioco: mi aveva cercato la Roma che era arrivata seconda dietro l’Inter del Triplete, giocava la Champions e mi propose un contratto lungo. Il gol più pesante? Con la Juve nel 2012 a Cesena, ci prendemmo un pezzo di Scudetto”.

Leave a Reply