#WeeklyReport – 10 a Claudio Ranieri, 2 alla situazione Udinese

Newcastle United v Leicester City - Premier League

VOTO 10 a Claudio Ranieri, condottiero del Leicester in Premier League. La cavalcata delle Foxes sembra inarrestabile. Vincono le inseguitrici? Vincono anche loro. Perdono dei punti? Anche le inseguitrici riescono a perdere dei punti. E’ un anno in cui tutto gira per il verso giusto, ma la forza di Ranieri nel concentrare tutti i calciatori ad affrontare il campionato step by step, partita dopo partita, li sta proiettando verso qualcosa di unico, di incredibile se pensiamo a come si è evoluto il calcio al giorno d’oggi. Durante la partita di ieri, nel momento di maggiore pressione per le Foxes, Ranieri si è esibito in una sceneggiata travolgente che ha scatenato i tifosi, portandoli a cantare e ad incitare tutti i calciatori scesi in campo con la maglia del Leicester. Probabilmente gli faranno una statua a fine stagione.
IMPERATORE

VOTO 9 a Zlatan Ibrahimovic, personaggio a tutto tondo che sa come catalizzare l’attenzione su di se nel migliore dei modi. Dopo aver vinto il campionato con il PSG, surclassando gli avversari vincendo con 9 giornate di anticipo, nel giorno della celebrazione Ibra segna 4 gol e al termine della partita regala una perla mediatica che rimarrà negli annali del calcio: “Se al posto della Torre Eiffel mettono la mia statua resto al PSG”. Solo lui può dire certe cose e farle passare per frasi normali, anzi, normalissime. Indubbiamente è stata una scelta mediatica astuta, per far dimenticare certe frasi dette all’indirizzo del suo club poco tempo fa, ma Ibra è semplicemente unico anche per questo.
KING OF PARIS

VOTO 8 a Romelu Lukaku, centravanti stratosferico ormai pronto per giocare in una grande squadra. Con la sua doppietta contro il Chelsea, Lukaku ha dimostrato tutto il suo valore e tutta la sua maturità consacrandosi come uomo immagine dell’attuale Everton. I tanti gol segnati nella prima metà della stagione avevano fatto ben sperare i tifosi dei Toffies, convinti di poter centrare almeno la qualificazione in Europa League, ma nel corso della stagione la squadra di Liverpool ha perso troppi punti, scivolando in 12° posizione, a -9 dallo United 6° in classifica. Questo prova la vera forza del calciatore belga, capace di una stagione straordinaria con una squadra di basso livello. I dirigenti dell’Everton saranno sicuramente in attesa delle offerte milionarie per lui.
SCHIACCIASASSI

VOTO 7 all’Inter che ha ritrovato la voglia di vincere. Si sa che nel calcio, il più delle volte, una vittoria da morale al gruppo ed aiuta nel cammino verso la fine della stagione. Questo in sostanza è accaduto all’Inter che dopo la bella prestazione in Coppa Italia contro la Juventus (pur essendo uscita ai rigori è riuscita a vincere per 3-0), ha ritrovato animo e spirito collettivo, vincendo prima con il Palermo e poi con il Bologna, dando prova del loro vero valore. L’unica nota negativa della nuova Inter è la Roma, che la davanti non sbaglia un colpo. A proposito, sabato prossimo c’è Roma – Inter.
GRUPPO RITROVATO (?)

VOTO 6 al Real Madrid che prima elimina la Roma in Champions League e poi va a vincere contro il Las Palmas all’ultimo minuto. La squadra di Zidane gioca meglio di quando era gestita di Benitez, ma lo spirito collettivo e l’armonia all’interno dello spogliatoio, non sembra cambiato di molto, tanto che i blancos hanno bisogno di faticare tanto per vincere contro il modesto Las Palmas. Che le parole di Cristiano Ronaldo abbiano destabilizzato il gruppo?
CONFUSION TOTAL

VOTO 5 al Milan che pareggia 0-0 con il Chievo e che non riesce a ritrovare la serenità che lo aveva accompagnato verso la speranza Champions League. Probabilmente le voci di un possibile addio di Sinisa Mihajlovic ha fine stagione hanno creato quella punta di disagio che nei calciatori fa sempre la differenza. Le parole del tecnico serbo al termine della partita contro i clivensi ha poi riportato la squadra rossonera con i piedi per terra: “Difficile fare meglio con una squadra così”. Ed è proprio questo il limite del Milan negli ultimi anni. Mihajlovic ha adattato un modulo alla squadra, senza poter esprimere al meglio le sue potenzialità da allenatore. Inoltre, la costante pressione a cui è stato sottoposto da parte del Presidente Berlusconi, ha lentamente leso le credenziali del tecnico serbo, il quale a sua volta ha trasmesso le sue emozioni ai propri calciatori.
FINE A SE STESSI

VOTO 4 contemporaneamente a Empoli, Torino e Atalanta. La situazione di queste tre squadre è a dir poco assurda. Partite a mille durante le prime giornate di campionato, ora si trovano a galleggiare tra la zona salvezza e quella di metà classifica, come se dalle vacanze di natale fossero rientrate delle squadre completamente diverse dalle altre. A Torino è in corso da qualche mese una contestazione assurda contro Ventura e Cairo, dimenticandosi cosa hanno dato in precedenza alla squadra granata, mentre a Empoli e a Bergamo tutto tace e si continua a sperare che le altre non accorcino il distacco in classifica.
IRRICONOSCIBILI

VOTO 3 al campionato Francese. Ai limiti dell’assurdo, la Ligue 1 è diventata un campionato di allenamento del PSG che si diverte a surclassare ogni squadra che incontra per poi concentrarsi sulla Champions League. E’ alquanto imbarazzante come la UEFA non cerchi di correre ai ripari di questa situazione. Voi direte, perché la UEFA? La UEFA, come organo massimo del calcio europeo dovrebbe chiedere spiegazioni alla Federcalcio Francese e cercare di dare un contributo affinché il campionato non sfoci in una passerella penosa per la squadra della capitale, che da anni investe più di ogni altra squadra di Francia, compromettendo di fatto lo svolgimento della Ligue 1.
PAZZESCO

VOTO 2 alla situazione in casa Udinese. Chi l’avrebbe detto che la squadra capace di battere i campioni in carica alla prima giornata, finisse a soli 4 punti di vantaggio sulla terzultima e rischiasse di retrocedere? La squadra è stata gestita male fin dall’inizio e le colpe non sono tutte di Colantuono. La società si è concentrata esclusivamente sullo Stadio, lasciando qualche deficit all’interno della rosa, la quale ha fatto meno del possibile per uscire da questa situazione. La vicenda che poi riguarda i tifosi è a dir poco scandalosa. Nessun calciatore dovrebbe esporsi così tanto e umiliarsi di fronte al proprio pubblico.
CASTELLO DI CARTE

VOTO 1 ai soliti attentati. Siamo stanchi di tutta questa violenza nel mondo.

Leave a Reply