#ItaliansDoItBetter – Marco Andreolli

jsp_7065

Uno dei difensori più promettenti d’Italia che purtroppo, a causa di innumerevoli e sfortunati infortuni, non è riuscito a sfruttare le grandi occasioni che ha avuto, per poi tentare l’esperienza all’estero, in Spagna…Questa è la storia di Marco Andreolli.

Il possente difensore cresce calcisticamente nelle giovanili del Padova, per poi passare all’Inter, con cui esordisce in Serie A nell’ultima partita della stagione 2004-2005. Il 6 dicembre 2005 esordisce anche in Champions League, nel pareggio per 1-1 tra i neroazzurri ed il Rangers Glasgow.
In 3 anni di Inter, Andreolli riesce a collezionare 7 presenze in Serie A, crescendo e maturando molto calcisticamente.

Nel luglio del 2007, nell’affare che portò Chivu dalla Roma all’Inter, Andreolli passa ai giallorossi come contropartita tecnica. Con i giallorossi non scenda mai in campo a causa di un problema alla schiena, per cui, nel gennaio del 2008 passa in prestito al Vicenza in Serie B, dove colleziona solo 3 presenze.

Nell’estate del 2008 ancora un prestito per lo sfortunato calciatore classe ’86, ancora in Serie B, questa volta al Sassuolo, dove riesce a giocare molto bene, collezionando ben 28 presenze con un goal in campionato. A fine stagione, però, fa definitivamente ritorno alla Roma, con cui esordisce il 6 agosto del 2008 nei preliminari di Europa League contro in Gent. Andreolli riesce ad entrare nel cuore dei tifosi della Roma grazie ad un suo goal alo scadere, il 22 ottobre contro il Fulham, pareggiando la sfida sull’1-1.

A fine stagione viene ceduto a titolo definitivo al Chievo Verona, con cui riesce a trovare la continuità, fino ad allora, mancata. Con la squadra clivense, dalla stagione 2010 a quella del 2013,  colleziona ben 81 presenze, riuscendo a segnare 3 reti complessivamente.

Nell’estate del 2013, a parametro 0, fa ritorno all’Inter, che per lui ha rappresentato da sempre la sua seconda casa. Con i neroazzurri, in due stagioni, gioca complessivamente 10 volte, realizzando anche una rete e, indossando la fascia da capitano per ben 3 partite. Purtroppo nel gennaio si procura una lesione di primo grado al bicipite femorale della coscia sinistra, tornando in campo solamente nel successivo aprile.

Andreolli decide di voler dare un cambio alla sua vita calcistica, decide di provare nuove esperienze, di volare via dall’Italia, infatti, il 31 agosto del 2015 si trasferisce al Siviglia, con la formula del prestito con diritto di riscatto. In Spagna gioca sempre titolare, adattandosi bene al gioco veloce e offensivo, gioca 7 match consecutivi, però, il 21 novembre in una gara di campionato si rompe il tendine d’achille; infortunio molto grave, che prevede minimo 7 mesi di stop e riabilitazione.

Marco Andreolli… Un esempio di calciatore che lotta contro la propria (sfortunata) sorte, mettendosi sempre in gioco.

Leave a Reply