Napoli-Milan 1-1, i rossoneri escono a testa alta dal San Paolo, Higuain non punge

giacomo-bonaventura-l-of-ac-milan-celebrates-with-teammate-juraj-kucka-the-opening-goal-against-sampdoria

Finisce 1 a 1 la sfida tra il Napoli ed il Milan al San Paolo, con due squadre che hanno dato vita ad un match discreto e con i rossoneri che hanno saputo tenere testa ai partenopei rischiando il minimo, nonostante il pubblico abbia spronato la propria squadra per tutti i 95 minuti, tanto è durata la sfida di questa sera.

I primi 45 minuti si chiudono con le due squadre in parità, al goal di Insigne, peraltro con deviazione involontaria di un milanista che spiazza Donnarumma, al 39′, risponde cinque minuti più tardi Bonaventura, su cross di Honda e deviazione di Koulibaly, il tap in del marchigiano è semplicemente perfetto.

Primo tempo che si chiude dunque con il momentaneo vantaggio napoletano cui risponde quasi immediatamente il goal di Bonaventura, in buona sostanza è il Napoli che cerca di fare la partita, ma il milan tiene con ordine ed attenzione, e rischiando solo in un paio di occasioni.

Dopo una ventina di minuti nel secondo tempo entra Mertens al posto di Callejon e poco dopo è la volta della contromossa di Mihajlovic, che manda in campo Menez per Bacca. In mezzo alle dues ostituzioni il Napoli coglie un palo con conclusione di Mertens a botta sicura. Sarri viene allontanato dal campo per eccesso di proteste, ma non si è ben capito il motivo.

Mancano circa 8 minuti alla fine del tempo regolamentare ed Higuain sfiora il vantaggio, calcia dal cuore dell’area, ma riesce solamente a sfiorare il palo alla destra di Donnarumma.

Passano due minuti ed è il Milan ad avere una grossa chance, Menez serve Niang in area, ma il francese sbaglia tutto quello che può con il sinistro, la palla finisce addirittura in fallo laterale. All’87’ altra occasione per Honda, Reina si distende in angolo. Nei 5 minuti di recupero El Kaddouri, entrato al posto di insigne, calcia direttamente tra i guantoni di Donnarumma.

Un punto importante per i rossoneri, che ora sono a 4 punti dall’Inter, che ridà fiducia alla squadra che è riuscita a portare a termine una gara fatta di personalità ed abnegazione, anche per giocatori che non sono abituati alla continuità, come Zapata, ma che hanno contribuito a portare a casa questo risultato.

Leave a Reply