#FIFA – Platini non vuole presentarsi all’udienza davanti al comitato etico

Platini contro il Napoli: l'Uefa ha aperto un'inchiesta disciplinare nei confronti del club azzurro dopo i fatti di Napoli-Dnipro

Michel Platini, coinvolto nello scandalo FIFA tra di lui e l’ex presidente della Federazione Internazionale, Sepp Blatter, avrebbe deciso di non presentarsi all’udienza di giovedì, di fronte al comitato etico, ritenendo la sentenza già scritta e perciò rendendo inutile la sua figura durante il processo. Il numero 1 della UEFA, già sospeso per 90 giorni dal suo incarico, rischia addirittura la squalifica a vita, o per diversi anni e sembrerebbe appunto, scoraggiato nel presentarsi di fronte al CE per accogliere una sentenza già, o quasi, pervenuta nei sui confronti. Come le Roi, anche Sepp Blatter rischia la stessa pena.

La sensazione concreta è che i due dirigenti verranno squalificati per anni, sensazioni confermate da Andreas Bantel, portavoce della Camera del comitato. Bantel ha lasciato intendere la reale possibilità che le squalifiche vengano decretate. Il rischio di una squalifica lunga, o addirittura a vita, è molto reale, ed il mondo del calcio mondiale ed europeo rischia un grosso scossone in termini manageriali. La vera rivoluzione potrebbe passare attraverso la candidatura di Gianni Infantino, segretario generale della UEFA e uomo assai vicino a Platini. L’avvocato svizzero, potrebbe rappresentare un vero sguardo in avanti per il futuro calcistico mondiale, portando una ventata d’aria fresca in un ambito pieno di corrotti e personaggi poco affidabili.

Leave a Reply