#PremierLeague, il Chelsea soffre e vince col WBA: 2-3

Chelsea

Succede di tutto al The Hawthorns in questa terza giornata di Premier League, che ha contrapposto il West Bromwich Albion al Chelsea. Hazard e compagni erano chiamati a riprendersi dopo l’avvio farraginoso di stagione. E, almeno dal punto di vista della classifica, ci sono riusciti. Pulis schiera la sua squadra in un 4-5-1 molto spigoloso, con Rondon unica punta chiamata a fare reparto. Mourinho opta subito per la carta Pedro, che con i blues ha appena tre allenamenti alle spalle. Il match è equilibrato, ed al 13esimo il WBA fallisce un calcio di rigore con Morrison. Il Chelsea capisce che bisogna aumentare il baricentro ed i ritmi, e dall’uno-due fra Pedro ed Hazard arriva il goal che sblocca l’incontro: a segnarlo è proprio lo spagnolo al suo esordio. Ma non finisce qui. Dopo nove minuti è ancora determinante: dalla fascia di destra fa partire un tirocross rasoterra sul quale Diego Costa si avventa. Prima rete in campionato per lui. Al 35esimo tuttavia il West Brom rientra in partita, e sull’imprecisa sforbiciata di Rondon Morrison può infilare alle spalle di un incolpevole Courtois. Prima della fine del primo tempo arriva però il 3-1 di Azpilicueta, innescato da un’eccellente sponda di Diego Costa. Tony Pulis nella ripresa chiede un quid in più ai suoi, e su un’ottima verticalizzazione Terry è costretto a commettere fallo al limite dell’area di rigore: atterrato Rondon, rosso diretto. Fuori Willian e dentro Cahill. Fuori Chelsea dentro muro difensivo. Dopo 5 minuti dall’espulsione, Morrison insacca con un colpo di testa che supera Courtois, ed il West Bromwich inizia a crederci spinto dal proprio pubblico. L’attacco passa a due con l’ingresso di Lambert. Mourinho risponde con i muscoli di Obi Mikel ed il cronometro scorre. Dopo 4 minuti di recupero il Chelsea può tirare un sospiro di sollievo. A dir la verità, i padroni di casa si sono limitati ad un accentuato pressing ed a cross dalla trequarti. Troppo poco se si vuole impensierire concretamente la difesa dei blues. Al The Hawthorns termina 2-3.

Leave a Reply