Under 21, Svezia campione. Portogallo battuto ai rigori

Svezia Portogallo Under 21

La finale della noia vede vittoriosa la Svezia, che per la prima volta nella storia si aggiudica l’Europeo Under 21. Merito della diligenza tattica, soprattutto difensiva, che il c.t. Ericson ha saputo dare ai suoi ragazzi. Non manca anche un po’ di fortuna: dopo uno 0-0 con poche emozioni, il Portogallo viene piegato solo ai calci di rigore. A tradire i lusitani sono alcuni degli uomini migliori ovvero Esgaio e William Carvalho. Per gli svedesi, sbaglia Khalili ma si esalta il portierino di belle speranze Carlgren.

Partita bloccata come quella disputata nell’ultima giornata del girone dell’Italia. Tanto da far pensare che quel famoso “biscotto” (il pari a reti bianche che ci ha eliminato) non fosse del tutto combinato. Dopo una traversa su punizione di Sergio Oliveira al 7′, il match si incanala su un canovaccio già visto: i portoghesi attaccano in velocità sfruttando le fasce, gli svedesi chiudono tutti e cercano il contropiede. In questo modo nessuna delle due compagini riesce a vedere la porta. I pochi brividi arrivano solo nel secondo tempo inoltrato, quando l’ala lusitana Medeiros si inventa un’azione personale dalla destra a rientrare col sinistro (fuori di pochissimo) e l’italo-svedese Guidetti sfrutta un’amnesia difensiva per calciare addosso al portiere avversario. I supplementari sono stati quasi una perdita di tempo. Tutto viene deciso nella classica lotteria dei rigori: stupisce per il Portogallo la defezione di Bernardo Silva. Qualcuno torna a casa con gioia, qualcun altro con rimpianto.

Leave a Reply