Croazia-Italia 1-1, a Spalato pari tra le protese e la vergogna

212542911-e8a93ac9-acbf-4dce-8217-04884cd80caf

Finisce 1-1 il match degli Azzurri a Spalato contro la capolista Croazia ma a fine partite molte proteste da parte di mister Antonio Conte per alcuni episodi a sfavore dell’Italia.

Nazionale con assenti pesanti, out infatti Barzagli, Chiellini, De Rossi, Verratti e Zaza, ma con la voglia di dimostrare il proprio valore ma la prima grande chance della partita ce l’hanno i padroni di casa con Mario Mandzukic che dal dischetto degli 11 metri, fallo ingenuo di Astori su Srna, si fa ipnotizzare però da Gigi Buffon che dice no all’attaccante dell’Atletico Madrid.

FBL-EURO-2016-CRO-ITA

Gigi Buffon respinge il rigore di Mandzukic

 

Pochi attimi dopo su un cross di Candreva dalla destra arriva il vantaggio Azzurro con El Shaarawy (al rientro) che però viene annullato (era regolare, ndr) dall’arbitro Martin Atkinson. Tra le proteste a trarne vantaggio è la Croazia che sull’immediato capovolgimento di gioco trova il punto dell’1-0 con Mandzukic servito perfettamente da Rakitic. L’Italia è arrabbiata e non ci sta e sfiora il pareggio alla mezzora ancora con il “Faraone” che da pochi passi calcia centrale con Subasic che blocca la sfera. Il gol è nell’aria e sugli sviluppi di una punizione è ancora Mandzukic il protagonista (stavolta in negativo), visto che un suo ingenuo tocco con il braccio viene punito con un calcio di rigore; dal dischetto Antonio Candreva firma il pari con lo scavetto. Nel finale di tempo grande occasione per Graziano Pellè che però da pochi passi non riesce a trovare il gol.

image

Antonio Candreva, il migliore in campo, firma il pari Azzurro su calcio di rigore

Da segnalare il brutto infortunio occorso a Lorenzo De Silvestri e quello meno grave, ma che comunque mette fuori gioco per il secondo tempo, di Buffon. 

Polemiche e tanta vergogna per quello che succede nella pausa visto che le inquadrature scovano il disegno sull’erba di una “svastica”, poi coperta con la terra, che creerà tante polemiche e probabilmente sanzioni pesanti per la Croazia.

Nella ripresa gli Azzurri sono padroni del campo e spingono alla ricerca del vantaggio che però non arriverà. Candreva, Marchisio ed El Shaarawy i più pimpanti ma l’Italia non riesce a concretizzare (anche una buona occasione per Parolo) mentre la Croazia si limita a difendere e provare a colpire in contropiede. Nel finale espulso il capitano croato Srna.

Con questo pareggio i croati rimangono in testa al gruppo H a quota 14 punti, 2 di vantaggio su di noi mentre la Norvegia, 3°, non approfitta del facile match (almeno sulla carta) contro l’Azerbaigian non andando oltre lo 0 a 0 e sale a quota 10 punti. Ora la qualificazione a Francia 2016 sembra ad un passo anche se da 2° nel girone.

20150612_100131_svastica12.jpg.pagespeed.ce.XdllQtYj5m

Ecco la “Svastica” che ha scaturito la polemica nel mondo. Ora la Croazia rischia molto

Man of the match: Antonio Candreva, l’ala della Lazio è imprendibile e oltre al rigore fornisce una prestazione di altissimo livello per tutta la partita creando non pochi pericoli.

Leave a Reply