Calciomercato Serie A : il punto

Quagliarella e Vidal protagonisti in modo diverso del derby della Mole tra Torino e Juventus

Arriva l’estate e per le società di calcio è tempo di mercato. Ad una giornata dal termine della Serie A, i giochi ormai sono fatti, ad eccezione di Napoli e Lazio, che la settimana prossima si giocheranno la partecipazione ai preliminari di Champions. Dunque, per le altre è tempo di pianificazione e progettazione.
Per iniziare Juventus scatenata. Dopo aver preso Dybala (manca solo l’ufficialità), Marotta e Paratici stanno definendo anche il secondo acquisto per la prossima stagione. Il centrocampista tedesco del Real, Khedira, in queste ore è atteso a Torino per le visite mediche. Qualora dessero esito positivo, Sami Khedira sarà un giocatore della Juventus. Infatti, l’accordo è già stato trovato, mancano solo le firme. Invece, per quanto riguarda Donsah, la trattativa in questo momento è in fase di stallo. Il Cagliari sembrerebbe propenso ad accettare la proposta di 6 milioni, (con inserimento di alcuni giovani), mentre per il calciatore ghanese sarebbe un sogno poter indossare la maglia bianconera. Conclusa la questione Khedira, la dirigenza bianconera si concentrerà sull’operazione Donsah. Inoltre, sempre in casa Juventus, nelle ultime ore è arrivata un’altra indiscrezione. Infatti, Beppe Marotta ha incontrato il patron dell’Udinese, Giampaolo Pozzo, per intavolare una trattativa per Allan. Qui siamo solo ad un pourparler, dunque ancora non si sa nulla né su cifre né sulla modalità d’acquisto. Se da una parte i tifosi juventini sognano, dall’altra tremano. Nella giornata di ieri, infatti, in Cile è trapelata una notizia bomba: Arturo Vidal, dopo la Coppa America, volerebbe a Londra per firmare il suo nuovo contratto con l’Arsenal. Alla Juve andrebbero circa 35 milioni di euro, mentre per il giocatore ci sarebbe già pronto un ingaggio faraonico. Notizia naturalmente tutta da valutare, ma da prendere assolutamente in considerazione.
Se la Juventus può programmare il futuro tra tante certezze, il Napoli attualmente sta vivendo un momento di grandi incertezze. L’esonero da parte di Florentino Perez, di Carlo Ancelotti, scatena una rotazione a catena che coinvolge il tecnico Rafa Benitez. Ormai per il suo passaggio a Madrid sembra tutto fatto e d’altra parte il tecnico non ha mai nascosto il suo grandissimo desiderio di tornare da dove era partito: da allenatore delle giovanili, ad allenatore della prima squadra. Con la sua partenza e con la qualificazione in Champions ancora in forse, il futuro di molti giocatori è tutt’altro che certo. Il primo tra tutti è Gonzalo Higuain. L’argentino piace a molti club europei, tra cui il Manchester United, che per la prossima stagione ha già fatto sapere che non riscatterà Falcao dal Monaco e che dunque ha bisogno di una punta da affiancare a Rooney. Una clamorosa provocazione arriva direttamente dalla Spagna, secondo cui, Rafa Benitez vorrebbe riportare il suo pupillo a Madrid, ma difficile che ciò possa avvenire. Un altro partente tra i partenopei è Gargano. Anche quest’anno l’uruguagio non ha brillato e ha già le valigie pronte. Ma nel Napoli prima di prendere decisioni definitive si dovrà attendere l’annuncio del nuovo allenatore.
In casa nerazzura, Roberto Mancini è già al lavoro per rifondare la squadra per il prossimo anno. Sfumato Yaya Trourè quando sembrava tutto fatto, (già lo stesso procuratore dell’ivoriano ,Seluk, ha ringraziato pubblicamente l’Inter per l’offerta, ma il suo assistito ha scelto di rimanere al City), ora il tecnico ex Galatasaray ha deciso di puntare tutto su Eder. Il giocatore è valutato circa 10 milioni, ma ciò che preoccupa in casa Inter, non è tanto il prezzo quanto lo stato del suo ginocchio. Il giocatore oriundo infatti, ha terminato la stagione anzitempo a causa di un trauma distorsivo con lesione del collaterale mediale del ginocchio sinistro e le sue condizioni sono da valutare attentamente. In uscita, invece, da segnalare la questione Shaqiri. Lo svizzero in questa seconda parte di stagione non ha convinto pienamente e considerato l’alto costo del cartellino, la dirigenza starebbe riflettendo sulla sua permanenza. Chi invece, sicuramente non sarà un giocatore dell’Inter nella prossima stagione è Podolski. Il tedesco non ha mai convinto e già da tempo, Roberto Mancini ha affermato che Lukas tornerà all’Arsenal.
La Roma euforica per la vittoria nel derby e per l’accesso diretto in Champions League, deve risolvere qualche grana. Primo obiettivo di Sabatini è quello di chiarire la questione Nainggolan. Il giocatore naturalizzato belga, si è dimostrato fondamentale anche nella vittoria contro la Lazio ed il suo riscatto è di un’importanza cruciale. Radja Nainggolan è in comproprietà con il Cagliari ed il club sardo ha fatto sapere che per rilevare la sua metà ci vogliono almeno 16 – 17 milioni. La Roma dopo aver sborsato circa 15 milioni per la sua di metà, non ha assolutamente intenzione di assecondare le richieste dei sardi e la situazione è in fase di stallo. A complicare le cose ci ha pensato il Borussia Mönchengladbach, che sarebbe seriamente intenzionato a portare il giocatore in Germania. Difficile che il belga possa accettare una proposta del genere, ma ciò intralcia sicuramente i piani di Sabatini. Inoltre, anche la Juventus si sarebbe mossa ed avrebbe inviato contatti con il Cagliari. Situazione che molto probabilmente andrà avanti ancora per un po’. In entrata, la dirigenza giallorossa starebbe pensando a Benalouane dell’Atalanta, per rinforzare il reparto difensivo. A questo punto, molto probabile la partenza di Astori, che quest’anno assolutamente non ha convinto. Invece, si va verso una rescissione consensuale del contratto per Maicon e Balzaretti. Di ritorno da Milano, Mattia Destro.
Il Milan appunto, che quest’anno è chiamato ad una vera e propria rifondazione. Oltre 10 i giocatori in scadenza di contratto e tanti prestiti da risolvere. Chi quasi sicuramente andrà via è Giampaolo Pazzini, che in scadenza, cercherà nuovi stimoli altrove. Stessa sorte per De Jong Muntari ed Essien. Insomma sarà un’estate rovente per Galliani, anche se adesso il primo obiettivo è quello di trovare un degno sostituto di Inzaghi. Nonostante le parole di quest’ultimo (“spero di rimanere al Milan anche per l’anno prossimo”), Berlusconi ha dato mandato all’amministratore delegato di intrecciare i rapporti con l’entourage di Carlo Ancelotti. Però il tecnico ex Paris e Real ha fatto sapere che dovrà rimanere un anno fermo per operarsi e che dunque non potrà valutare nessuna offerta. Dunque, dopo l’elegante no di Ancelotti, la dirigenza sta pensando a Conte e Montella. Per il primo sembra decisamente difficile che possa sottrarsi dagli impegni presi con la Nazionale, per il tecnico di Pomigliano d’Arco, invece, la situazione è diversa. Infatti, sembra che la sua esperienza alla Fiorentina sia ai titoli di coda ed il Milan sarebbe una destinazione gradita. Colpi di scena dell’ultimo momento non sono esclusi ed i tifosi dovranno pazientare fino ai primi di giugno per scoprire chi sarà il nuovo tecnico.

Leave a Reply