Champions: un Bayern stratosferico punta alla finale, bene anche il Barcellona

Lewandowski

Ora anche in Germania sanno cos’è una remuntada. Il Bayen Monaco riesce nell’impresa di ribaltare il risultato dell’andata contro il Porto (1-3) e di accedere alle semifinali di Champions League. E lo fa nel modo più roboante: finisce 6-1 per i bavaresi, che segnano addirittura 5 gol solo nel primo tempo. Inizia Thiago Alcantara con un colpo di testa ravvicinato su cross di Bernat, raddoppia Boateng e infine si scatenano Lewandowski (doppietta) e Müller. Nella ripresa i portoghesi provano a evitare l’umiliazione e trovano anche un gol con Jackson Martinez. Poi però restano in dieci uomini per l’espulsione di Marcano e subiscono un’altra rete, da parte di Xabi Alonso. Le assenze di Danilo e Alex Sandro si fanno sentire, ma il Bayern non è da meno visto che in infermeria si trovano Ribery, Robben, Alaba, J. Martinez e Benatia. Guardiola si prende una bella rivincita dopo le critiche dell’ultima settimana, mentre calano vertiginosamente le quotazioni dell’allenatore emergente Lopetegui.

Niente remuntada invece al Camp Nou, nella sfida delle stelle tra Barcellona e PSG. Bastano 14′ per spegnere le già poche speranze dei parigini: Iniesta si inventa uno slalom funambolico per poi servire a Neymar un pallone che chiedeva solo di essere spinto dentro. Per il brasiliano arriverà al 34′ la soddisfazione della doppietta e del gol numero 1000 per i catalani in Europa. I titoli di coda arrivano così con grande anticipo. Il Barça gestirà il resto del match come un’amichevole, mentre il PSG penserà soprattutto a non prenderne più. L’assenza di Thiago Silva pesa come un macigno. L’unica nota positiva è, come sempre, Verratti: sempre sicuro come un veterano. Il futuro della squadra francese dovrà ripartire da lui.

Leave a Reply