La rinascita della Roma passa per il centrocampo?

Soccer: serie A, Roma-Napoli

E’ tornata finalmente la Roma? Questo non lo so e non spetta a me dirlo, ma quello che è certo è che la squadra allenata da Rudi Garcia è in ripresa almeno da un punto di vista mentale. La difficile e combattuta vittoria di Cesena, grazie al gol di uno dei giocatori maggiormente criticati nell’ambiente giallorosso (De Rossi, ovviamente), potrebbe aver fatto scattare un qualcosa nella testa dei giocatori, che fino a quel punto sembravano spenti fisicamente e mentalmente. Ora bisognerà capire se i capitolini riusciranno a dare una continuità ai risultati che manca ormai dal 2014.

I problemi rimangono e sono evidenti: l’attacco non segna più, in campionato l’ultimo a festeggiare è stato Totti nella trasferta di Verona (1-1 il finale) del 22 febbraio; da quel momento in poi in gol solo i centrocampisti, ed è proprio dalla linea mediana che potrebbe ripartire la marcia giallorossa. Non a caso le ultime 2 vittorie della Roma passano proprio dai gol e dalle buone prestazioni del centrocampo, De Rossi a Cesena e Pjanic con il Napoli; altro problema è quello dei gol subiti, visto che nel nuovo anno la Roma ha incassato la bellezza di 20 gol in 18 partite (cioè più di un gol a partita) palesando gravi difficoltà difensive e pochi ricambi in quel reparto, viste le assenze costanti di Maicon e la poca, anzi inesistente, fiducia in Cole e la completa inaffidabilità del 2° portiere Skorupski.

La Roma dovrà inseguire, per forza di cose, l’obiettivo Champions League e soprattutto quello di finire davanti agli odiati cugini della Lazio, che hanno sfruttato a pieno il negativo periodo dei giallorossi per rifarsi sotto ad appena 1 punto, mettendo una grande pressione sui giallorossi. Il calendario per gli uomini di Garcia non è facile, soprattutto pensando alla prossima gara che vedrà i giocatori del mister francese andare in trasferta sul temibile campo del Torino, ma è ora il momento di tirare fuori gli attributi e, anche giocando male, bisognerà portare a casa punti pesanti, perché adesso quello che più conta è finire al meglio questa agognata e sfortunata stagione, per poi ripartire al meglio nella prossima. Ed in queste partite che aspettano la Roma, servirà più la testa delle gambe.

Leave a Reply