Napoli, Benitez: “Vinco e poi decido il futuro”. Si va sempre più verso l’addio

Quilon, agente di Benitez, ha smentito l'incontro tra il tecnico e De Laurentis

Le settimane passano e si avvicina sempre di più la data indicata da Benitez per capire e conoscere il suo futuro, se sarà ancora sulla panchina del Napoli o meno. Sembra improbabile però che De Laurentis aspetti ancora la decisione del tecnico di Madrid, e non è un caso che il numero uno azzurro e i suoi uomini abbiano sondato più piste per il dopo Benitez. Tra tutti i nomi che si sono fatti, i più concreti portano a Luciano Spalletti, ex Roma e Zenit San Pietroburgo, al momento senza squadra, e a Vincenzo Montella, sotto contratto con la Fiorentina e che negli ultimi giorni sembra però abbia deciso di restare con la Viola. L’alternativa c’è e si chiama Sinisa Mihajlovic, ma se la Sampdoria dovesse arrivare in Champions League sarà difficile muoverlo da Genova.

Intanto il ct spagnolo, intervistato dal Mirror, ha rilasciato nelle scorse ore queste dichiarazioni: “Voglio concentrarmi sul presente, possiamo ancora vincere dei trofei e non voglio alcun tipo di distrazione“. In sintesi, prima vince e poi decide. E, si sa, è sempre più facile lasciare una piazza importante, come quella di Napoli, con un trofeo, che farlo a mani vuote, da perdente. “Col presidente parleremo tra qualche settimana e insieme analizzeremo la situazione, ma lui sa che io farò del mio meglio per vincere trofei e chiudere il campionato il più in alto possibile“. Insomma, tutto lascia intendere che Benitez abbia già deciso e che, al 90%, le strade dello spagnolo e della società partenopea si dividano a giugno, quando scadrà il contratto.

Certo, il Napoli prova a rilanciare e le indiscrezioni parlano di un’offerta di rinnovo sulla base di un triennale, quando invece Benitez al massimo vorrebbe il rinnovo di un anno. Ma le sirene inglese suonano forte per don Rafa, e più che da Liverpool vengono da Manchester, sponda City, dove la panchina presto sarà libera e lì, si sa, altro che limite di budget: il sogno di ogni allenatore, specie di uno come Benitez, che vuole sempre vincere.

Intanto per la porta azzurra si ricandida Pepe Reina: “Ho sempre detto che avrei lasciato la porta di Napoli aperta perché abbiamo fatto benissimo e perché quella piazza e quella società le stimo tanto” ha dichiarato l’ex portiere azzurro a Radio CrcHo tanti amici a Napoli, ogni volta che posso torno in questa città e penso che anche la squadra stia facendo bene. Questo è il momento della verità, ora ci si gioca il tutto per tutto ed il mio in bocca al lupo va a tutta la squadra“. E su Benitez? “Mi auguro possa restare in azzurro, ma sono certo che deciderà cosa fare solo al termine di questo mese, in cui si giocherà il tutto per tutto”. E forse anche dalla permanenza del tecnico spagnolo dipenderà la decisione di Reina.

Leave a Reply