#Europa League, Inter- H. Beer Sheva: formazioni ufficiali e statistiche

pescara-inter

Ore 21, in diretta radiocronaca su Radiogoal24, Inter-Hapoel Beer Sheva, prima partita di Europa League del gruppo K.

 

Ritorno dopo un anno di assenza dei nerazzurri in Europa. L’Inter, testa di serie del girone K, affronta la squadra tecnicamente più debole rispetto anche alle altre Sparta Praga e Southampton. L’Hapoel è squadra temibile essendo arrivata ai gironi di Europa League partendo da lontano e dalla Champions League dove, nei preliminari, ha battuto prima i moldavi dello Sheriff Tiraspol e poi addirittura i greci dell’Olimpiakos, arrendendosi solamente nell’ultimo turno al Celtic. L’Inter di De Boer, ancora in fase sperimentale-conoscitiva, arriva dalla liberazione di Pescara e sa che non deve fare sconti. La testa all’Europa League sarà ancora più concentrata dal fatto che la vincente di questa competizione accede direttamente alla prossima Champions League.

Primo incontro tra Hapoel Beer Sheva e Inter. Tra l’altro, l’Inter non ha mai giocato con squadre israeliane e l’Hapoel mai ha affrontato squadre italiane. Per le statistiche ci dobbiamo rifare a precedenti tra israeliane e italiane che sono ben 12, vittorie italiane a 6, sconfitte 3 e altrettanti pareggi. Le squadre italiane non perdono da 7 partite contro le compagini d’Israele.  Perdendo contro il Wolfsburg alla sua ultima partita europea (2-1, ottavi di UEFA Europa League 2014/15), l’Inter ha interrotto un’imbattibilità che durava da 11 partite a San Siro (V7 P4). I nerazzurri, vincitori della Coppa UEFA nel 1990, 1994 e 1998, hanno superato la fase a gironi di UEFA Europa League due volte su due. Il Beer-Sheva non vince in trasferta da cinque partite europee (P2 S3).  Felipe Melo è a una sola lunghezza dalle 50 presenze nelle competizioni UEFA per club. Ingaggiato dall’Inter quest’estate, Frank de Boer allenava l’Ajax dal 2010 e nel 2014 è diventato il primo tecnico a vincere quattro titoli consecutivi con i lancieri. Da giocatore ha vinto la Coppa UEFA e la UEFA Champions League con la stessa squadra. Barak Bakhar ha regalato al Beer-Sheva il primo titolo israeliano nel 2015/16, alla prima stagione in panchina. Nel 2013/14 ha invece vinto la Coppa d’Israele con il Kiryat Shmona, dove aveva trascorso gran parte della carriera nel ruolo di difensore.

QUI INTER – Squadra poco ridimensionata per De Boer che vuole trovare una quadratura del cerchio il prima possibile. Riposo per Banega e Joao Mario, spazio a Brozovic e ad un attacco più folto con il bomber Icardi affiancato da Eder, Palacio e Candreva. Ranocchia in difesa al posto di Miranda.

QUI BEER SHEVA – L’Inter ritrova Bitton al centro della difesa, conoscenza italiana dopo la partita di qualificazione tra Israele e Italia. La squadra, prima nel campionato di casa, sempre la stessa con Nwakaeme, Maranhao e il capitano Melikson nel tridente offensivo di Bakhar.

FORMAZIONI: 

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Ranocchia, Murillo, Nagatomo; Medel, Brozovic;Candreva, Eder, Palacio; Icardi. All.: de Boer

HAPOEL BEER SHEVA (4-3-3): Goresh; Bitton, Vitor, Tzedek, Davidazde; Radi, Ogu, Hoban; Melikson, Maranhao, Nwakaeme. All.: Bakhar

Arbitro: Jakob Kehlet (DEN)

 

Leave a Reply