Tour de France, 13a tappa: presentazione e radiocronaca

By 15 luglio 2016 News No Comments
logo tour de france

Dopo i fuochi d’artificio sul Mont Ventoux, il Tour de France vive un’altra giornata decisiva per delineare la classifica generale. La tredicesima tappa è infatti la prima cronometro in programma per quest’edizione, con gli specialisti e gli uomini di classifica pronti a sfidarsi sul filo dei secondi. La frazione verrà trasmessa in diretta radio a partire dalle ore 15.30 su http://radiogoal24.it/ e su https://www.spreaker.com/ canale RadioGoal24.

PRESENTAZIONE TREDICESIMA TAPPA

Sono 37,5 i chilometri in programma per la prima prova contro il tempo del Tour de France, quelli che porteranno i corridori da Bourg-Saint-Andéol a La Caverne du Pont-D’Arc. La prima parte presenta 7,5 chilometri di salita con un dislivello di circa 300 metri, poi quindici chilometri di pianura porteranno a una leggera discesa e un’ulteriore tratto pianeggiante. Gli ultimi 3300 metri presentano una pendenza media del 4,9%, adatta a far pagare il conto a chi ha speso troppe energie nella prima parte.

FAVORITI TREDICESIMA TAPPA

Sarà un cronoman o un uomo di classifica a trionfare? Le salite presenti non hanno pendenze proibitive e possono permettere agli specialisti di giocarsi le loro carte. E’ così che Tom Dumoulin (Giant-Alpecin) e Rohann Dennis (BMC) cercheranno di portare il cambio generazionale a Fabian Cancellara (Trek-Segafredo) e Tony Martin (Etixx Quick-Step), tutt’altro che intenzionati a cedere lo scettro. A contendere il successo potrebbero inserirsi Chris Froome (Sky), Richie Porte (BMC) e Tejay Van Garderen (BMC), delle vere frecce quando si tratta di spingere nelle corse contro il tempo e motivati a fare il massimo per la classifica generale. Gli outsider potrebbero essere Maciej Bodnar (Tinkoff), Jon Izaguirre (Movistar) e Jan Barta (Bora Argon-18), mentre il campione del mondo Vasilj Kyrienka (Sky) sembra piuttosto fuori forma e deve cercare riscatto. Tra i big di classifica Fabio Aru (Astana) dovrà difendersi dai tre citati in precedenza, ma potrà recuperare terreno sugli altri, a partire da Nairo Quintana (Movistar), storicamente in difficoltà su questo terreno. Sarà una giornata difficile anche per gli altri scalatori puri, a cominciare dai francesi Romain Bardet (AG2R) e Warren Barguil (Giant-Alpecin) per proseguire con Adam Yates (Orica Bike-Exchange), Joaquim Rodriguez (Team Katusha) e Daniel Martin (Etixx Quick-Step). Discorso a parte per Alejandro Valverde (Movistar), Bauke Mollema (Trek-Segafredo) e Roman Kreuziger (Tinkoff), autori di prestazioni altalenanti nelle cronometro delle loro carriere e quindi vere e proprie mine vaganti.

Leave a Reply