Germania-Italia 7-6 d.c.r., decide Hector dopo l’errore di Darmian: report e pagelle

germania-italia-amichevole

Germania-Italia è il  3° quarto di finale di Euro 2016. A Bordeaux i tedeschi sfidano la cabala non avendo mai battuto la Nazionale italiana in competizioni ufficiali. Loew rinuncia, almeno dall’inizio, a Draxler per inserire Howedes e giocare a specchio contro gli azzurri. Dall’altra parte il Ct Conte deve sopperire alle assenze di De Rossi Candreva per infortunio e di Thiago Motta per squalifica.

LA CRONACA:

Al 15′ la prima occasione del match per l’Italia con Florenzi che dalla destra rientra sul mancino ma il suo tiro è centrale e finisce tra le mani di Neuer. Al 16′ tegola per LoewKhedira non ce la fa e viene sostituito da Schweinsteiger. Al 27′ goal annullato a Schweinsteiger per una spinta netta su De Sciglio. Al 30′ altra occasione per gli azzurri: cross dalla sinistra di De Sciglio per Giaccherini ma un prodigioso intervento in scivolata di Boateng sventa il pericolo dall’area tedesca. Al 41′ si fa vedere anche la Germania con Gomez che, sul cross dalla destra di Kimmich, anticipa Bonucci di testa ma manda a lato. Al 43′ occasionissima per l’Italia: palla filtrante per Giaccherini che, dopo un controllo difficoltoso, mette dentro col sinistro col pallone che arriva, dopo una serie di rimpalli, sul piede di Sturaro lesto a calciare di prima intenzione trovando però Boateng sulla traiettoria, col pallone che finisce in angolo. Dopo 1′ minuto di recupero l’arbitro Kassai manda le squadre negli spogliatoi.

Al 54′ grandissima occasione per la GermaniaGomez difende palla in area e scarica fuori per Muller che, dopo aver dribblato Chiellini, calcia col mancino a botta sicura trovando uno spettacolare intervento sulla linea di Florenzi che col tacco in tuffo mette in angolo. Al 56′ giallo a Sturaro per proteste dopo un fallo a centrocampo. Al 57′ ammonizione anche per De Sciglio per un fallo da dietro su Kimmich che gli costerà la possibile semifinale. Anche Parolo finisce sul taccuino dell’arbitro ungherese al minuto 59′ per un fallo su Mario Gomez che nell’occasione rimane a terra. Al 65′ arriva il vantaggio tedesco: cross dalla sinistra di Hector dopo un grande filtrante di Gomez e tap-in vincente di Ozil. Al 68′ palla geniale di Ozil per Gomez che si fa anticipare da Chiellini che sfiora un clamoroso autogoal esaltando i riflessi di Gigi Buffon che alza il pallone in calcio d’angolo evitando il 2-0 che avrebbe spezzato le gambe alla Nazionale azzurra. Al 72′ Gomez esce per infortunio e al suo posto entra Draxler. Al 74′ occasione per gli azzurri con Pellé bravo ad anticipare tutti sul cross di De Sciglio mandando però il pallone a lato di poco. Al 77′ l’episodio che può cambiare il match: rigore per l’Italia per un fallo di mano di Boateng su un cross dalla destra. Dal dischetto parte Bonucci che firma l’1-1 anche se Neuer aveva intuito. All’81’ grande break di Florenzi che si fa 40 metri palla al piede, scarica per Eder che trova Pellé il quale calcia di prima intenzione trovando però la deviazione in angolo. All’86’ primo cambio per Conte che sostituisce il migliore degli azzurri, fino a quel momento, Florenzi per inserire Darmian. Al 89′ il tiro da fuori di De Sciglio fa gridare al goal mezzo stadio ma la conclusione del terzino azzurro tocca solamente la rete esterna. Al 90′ arriva il primo giallo anche in casa Germania con Kassai che sventola il cartellino a Hummels che era diffidato e salterà il prossimo match. Dopo 3′ minuti di sofferenza l’arbitro ungherese fischia mandando le due squadre al supplementare.

Al 1′ minuto del primo tempo supplementare arriva un altro giallo pesante per l’Italia all’indirizzo di Pellé per un fallo in ritardo su Boateng che era diffidato e salterà la prossima. Al 103′ giallo anche per Giaccherini che prende il pallone con la mano dopo aver subito fallo ma l’ungherese non è d’accordo con lui e gli sventola il cartellino. Finisce senza recupero il primo tempo supplementare.

Al 107′ fuori Eder e dentro Lorenzo Insigne. Al 112′ giallo per Schweinsteiger reo di aver dato una manata in faccia a Sturaro. Al 113′ occasione per Insigne che da dentro l’area calcia col sinistro trovando però Neuer sulla sua strada che blocca in due tempi. Al 120′ entra Zaza per i calci di rigore al posto di Chiellini. Si va ai calci di rigore dopo 30” secondi di extra-time.

Sequenza rigori:

Insigne (segnato) Kroos (segnato) Zaza (alto) Muller (parato) Barzagli (segnato) Ozil (palo) Pellé (fuori) Draxler (segnato) Bonucci (parato) Schweinsteiger (alto) Giaccherini (segnato) Hummels (segnato) Parolo (segnato) Kimmich (segnato) De Sciglio (segnato) Boateng (segnato) Darmian (parato) Hector (segnato)

Vince la Germania ai rigori che batte l’Italia per la prima volta nella sua storia in una competizione nazionale.

LE PAGELLE:

Germania (3-5-2): Neuer 7.5; Boateng 5.5, Howedes 5.5, Hummels 6; Hector 7, Khedira s.v. (dal 16′ Schweinsteiger 6.5), Kroos 6, Ozil 6.5, Kimmich 6; Muller 6, Gomez 7 (dal 72′ Draxler 6). Allenatore: Joachim Loew

Italia (3-5-2): Buffon 6.5; Barzagli 6.5, Chiellini 6 (dal 120′ Zaza 4), Bonucci 6.5; De Sciglio 6.5, Sturaro 6.5, Parolo 6.5, Giaccherini 6, Florenzi 7 (dal 87′ Darmian 4.5); Eder 6 (dal 107′ Insigne 6), Pellé 5.5. Allenatore: Antonio Conte

Leave a Reply