Italia-Svezia 1-0, Eder regala la qualificazione a Conte: report e pagelle

Euro 2016:Italy-Sweden

Italia-Svezia apre la seconda giornata del Gruppo E. A Tolosa gli azzurri hanno la possibilità, con una vittoria, di acquisire la matematica qualificazione agli ottavi di finale, obiettivo minimo come ricordato ieri in conferenza da Antonio Conte. La cabala, però, non ci è favorevole visto che non vinciamo la seconda partita di una competizione internazionale da Euro 2000 quando battemmo il Belgio per 2-0.

LA CRONACA:

Nei primissimi minuti è la Svezia a spingere sull’acceleratore; un paio di cross nell’area azzurra, infatti, mettono in difficoltà la retroguardia nostrana senza tuttavia creare pericoli degni di nota. Al 10′ minuto primo squillo dell’Italia con Florenzi che riceve sulla sinistra e va alla conclusione col destro, da dentro l’area, ma il tiro del jolly romanista è deviato e finisce debole fra le mani del portiere svedese. Al 40′, dopo molti minuti di nulla, è ancora la squadra azzurra a provare a creare un pericolo con Candreva che pennella un interessante cross in area sul quale, però, si immola Johansson in acrobazia. Al 42′ mischia pericolosa nell’area italiana con Chiellini bravo a sbrogliare una situazione delicata mettendo in angolo. Il primo tempo finisce senza recupero.

Comincia bene l’Italia nella ripresa: al minuto 49′ Eder appoggia dietro per Pellé che, dopo un buon controllo, calcia alto sopra la traversa. Al 60′ primo cambio per Antonio Conte: fuori Pellé dentro Simone Zaza. Al 63′ break sulla sinistra di Florenzi che mette in mezzo, sul secondo palo arriva Candreva che crossa di prima ma il pallone finisce nelle mani di Isaksson. Al 69′ arriva il primo cartellino giallo del match: è De Rossi a vederselo sventolare in faccia dall’arbitro ungherese per un fallo sulla trequarti. Al 72′ erroraccio a porta vuota di Zlatan Ibrahimovic che da 1 metro spara il pallone alto; fortuna per lui che l’assistente aveva sventolato la bandierina per segnalare il fuorigioco dell’attaccante svedese. Al 74′ fuori Daniele De Rossi per Thiago Motta. Al 79’doppio cambio per la Svezia che sostituisce Forsberg Ekdal con Lewicki Durmaz. All’82’ grandissima occasione per gli azzurri: cross di Giaccherini per Parolo che di testa centra la traversa. All’85’ ultimo cambio per Conte che inserisce Sturaro per Florenzi mentre, dall’altra parte, Berg rileva uno stanchissimo Guidetti. All’88’ arriva il goal che non ti aspetti: Eder prende palla al limite grazie alla sponda aerea di Zaza e, dopo uno slalom tra i difensori svedesi, piazza il destro a giro che si infila all’angolino basso per la gioia della panchina azzurra. Al 90′ altra occasione per l’Italia, stavolta con Candreva, che però si intestardisce nel dribbling e calcia in maniera centrale con Sturaro solo sul secondo palo. Al 93′ giallo per Gianluigi Buffon per perdita di tempo. Subito dopo cartellino anche per Olsson.

Finisce 1-0 per l’Italia che vince una partita molto sofferta ma al contempo importantissima. Decide il tanto criticato Eder con una magia nel finale. La Nazionale di Conte centra la qualificazione agli ottavi di finali con un turno d’anticipo, sfatando, finalmente, lo sfortunato passato italiano in questo tipo di competizioni.

LE PAGELLE:

Italia (3-5-2):Buffon 6; Barzagli 6, Bonucci 6, Chiellini 6.5; Candreva 6, Parolo 5.5, De Rossi 6 (dal 74′ Thiago Motta 5.5), Giaccherini 6, Florenzi 6 (dal 85′ Sturaro s.v.); Eder 6.5, Pellè 5 (dal 60′ Zaza 6.5)

Svezia (4-4-2): Isaksson 6; Johansson 6, Granqvist 6.5, Lindelof 6, Olsson 6.5; Larsson 5.5, Kallstrom 6, Ekdal 6 (dal 79′ Lewicki 6), Forsberg 6 (dal 79′ Durmaz 5.5); Guidetti 6 (dal 85′ Berg s.v.), Ibrahimovic 5.5

Leave a Reply