#Nazionali – Italia, Conte avverte gli azzurri: “Chi non è qui può andare in vacanza”

FC Internazionale Milano v Juventus - Serie A

Durante la conferenza stampa che apre lo stage per esaminare i possibili calciatori che andranno all’Europeo, il CT della Nazionale italiana, Antonio Conte, ha rilasciato importanti dichiarazioni sulla vicenda che lo ha legato al filotto del calcio scommesse e sulle scelte da lui adoperate per lo stage che coinvolgerà i calciatori fino al 21 Maggio prossimo: “L’assoluzione per me è un’ottima notizia. Fatico a parlare però di lieto fine, non sarà mai a lieto fine. Un’assoluzione non fa dimenticare i quattro anni passati, una perquisizione a casa alle cinque del mattino, le tv sotto casa alle sei del mattino. Un’assoluzione non fa dimenticare i titoli di prima, le trasmissioni, i giustizialisti. Questo ha tracciato un solco indelebile nella mia vita ma non è del tutto a lieto fine”. – Sulle scelte dei calciatori – “Le scelte nascono dal campionato, dalla possibilità comunque di avere l’opportunità di vedere giocatori che non ho visto prima. Qualcuno può ritenerle giuste o sbagliate, io le faccio serenamente ed obiettivamente, avendo come scopo l’obiettivo di fare una rosa di 23 per l’Europeo. Oltre a quelli di Milan, Juventus, Manchester e Anderlecht, chi non è qui, può andare serenamente in vacanza”. – Sul Chelsea, sull’Italia e sulle pressioni – “Chi mi conosce sa che faccio le cose una alla volta, cercando di farle nel migliore dei modi. L’Europeo è la fine di un percorso di due anni dove ci siamo qualificati. Da parte mia c’è la voglia di affrontare la competizione nel migliore dei modi, sapendo le difficoltà che non ci aspettavamo di affrontare. Io lavoro, a testa bassa, pedalando, cercando di fare qualcosa di bello”.

Leave a Reply