#ItaliansDoItBetter: Salvatore Sirigu

FOOTBALL : Paris Saint Germain vs Bayer Leverkusen - Champions League - 12/03/2014

I portieri italiani sono sempre stati considerati tra i migliori al mondo; lo sanno bene a Parigi, quando nel luglio del 2011, il PSG decide di affidare la custodia della loro porta ad un sardo…Salvatore Sirigu.

Il portiere classe ’87, cresce nelle giovanili del Venezia, per poi nel 2006 diventare il portiere titolare della squadra Primavera del Palermo, divenendo sempre più bravo grazie ai consigli tecnici di Guidolin e Walter Zenga.
L’8 novembre 2006 esordisce in prima squadra nella partita di Coppa Italia contro la Sampdoria e, il 23 dello stesso mese in Coppa UEFA contro il Fenerbahce.

Nel luglio 2007 il sardo passa in prestito in Serie C1, alla Cremonese, dove gioca 19 partite, subendo 22 reti. L’anno successivo viene nuovamente mandato in prestito per assumere esperienza, all’Ascoli, questa volta in Serie B, dove gioca solamente 15 match, subendo 24 reti.

Nell’estate del 2009 Sirigu fa ritorno a Palermo, dove, dopo ottime prestazioni, diventa il titolare inamovibile dei rosa nero, compiendo sempre ottimi interventi. Conclude la sua prima stagione da titolare in Serie A con 32 partite giocate, subendo 39 reti.
Nella sesta giornata d’andata del campionato 2010/2011, il portiere para anche il suo primo rigore nella massima serie, ad Adem Ljajic che, al tempo indossava la maglia viola della Fiorentina.

Il 28 luglio 2011 rappresenta la data della svolta epocale della carriera del sardo, infatti, appena ventiquattrenne viene acquistato dal PSG per soli 4 milioni di euro. L’occasione della vita.
Esordisce nel campionato francese il 6 agosto 2011, nella sconfitta per 1-0 del PSG contro il Lorient.
Chiude il primo anno parigino con 41 partite giocate, tra campionato, coppa di Francia ed Europa League, subendo 42 reti.
L’anno successivo ottiene il record d’imbattibilità mai raggiunto da un portiere del PSG, ben 697 minuti senza subire goal. Nel 2013 Sirigu vince il suo primo campionato divenendo sempre più determinante per la sua squadra, ricevendo il premio di miglior portiere delle Ligue 1 2012/2013.

Il 2014 l’estremo difensore sardo, vince tutto il possibile in territorio francese: SuperCoppa di Francia, Campionato e la Coupe de la Ligue ( la nostra Coppa Italia).
Nel 2015 l’impresa vincente si replica, vincendo nuovamente tutto in territorio francese ma, il PSG non riesce ad andare oltre gli ottavi di finale di Champions League, essendo, infatti, eliminati dal Chelsea.

La prima convocazione di Sirigu nella Nazionale maggiore risale al 28 febbraio 2010, grazie all’ex ct Marcello Lippi.
Il 10 agosto 2010, a soli 23 anni, fa il suo esordio con la maglia azzurra, convocato da Cesare Prandelli, contro la nazionale della Costa D’Avorio.
Complessivamente Sigiru ottiene in maglia azzurra 15 presenze, subendo 13 reti.

Salvatore Sirigu, un talento italiano emigrato in Francia, a Parigi, per stupire tutti e mostrare che gli italiani ci sanno fare, proprio come “qualche” anno prima fece un suo connazionale chiamato…Leonardo Da Vinci.

Leave a Reply