#QualificazioniWC: tra bottiglie sospette ed espulsioni, Argentina-Brasile finisce 1-1

F3E51FFE02E9CC514ECB987F57100484

Mentre l’orrore di Parigi sconvolgeva tutta l’Europa e non, dall’altra parte del mondo, più precisamente a Buenos Aires, si giocava una delle sfide calcistiche più epiche di sempre. Non sarà una finale mondiale o comunque una partita valevole per un trofeo intercontinentale, ma Argentina-Brasile regala da sempre forti emozioni per gli spettatori della gara. Con il risultato di 1-1 la partita termina in perfetta parità, concedendo ad ogni squadra un tempo a testa, dividendosi la posta in palio e restando attardate in classifica, staccando l’Ecuador prima nella classifica per quanto riguarda le qualificazioni al prossimo campionato del Mondo.

La partita era in programma per il giorno prima ed è stata rinviata di 24 ore per il nubifragio abbattutosi a Buenos Aires, ma la richiesta della Seleccion guidata dal Tata Martino, era quella che la partita venisse rinviata un mese più tardi, consentendo a Messi di recuperare dall’infortunio e quindi di poterlo schierare contro gli acerrimi nemici brasiliani. Ovviamente la richiesta non è stata accolta e la partita si è svolta regolarmente durante la scorsa notte.

Primo tempo di marca argentina con una squadra ben organizzata e capace di mettere in seria difficoltà la Selecao con un buon gioco e un pressing asfissiante. Al 24′ minuto, el Pocho Lavezzi porta in vantaggio la Seleccion che sfrutta al massimo un cross tagliato sul secondo palo del pipita Higuain, battendo il portiere Alisson e siglando il vantaggio albiceleste. Nella ripresa, ancora l’Argentina si presenta dalle parti di Alisson con un palo di Banega che sembrerebbe il preludio ad una sconfitta per il Brasile, ma l’ingresso di Douglas Costa riaccende gli animi dei verdeoro che colpisce la traversa che favorisce il tap in vincente di Lucas Lima per il pareggio della Selecao. Durante il secondo tempo da segnalare il rosso a David Luiz per doppia ammonizione.

Una curiosità ci riporta ad Italia 90, quando, secondo alcuni calciatori della Selecao, i compagni dell’Argentina passarono ai cugini verdeoro delle bottigliette d’acqua contenenti del Roipnol, un potente sedativo che condizionò la gara. Infatti il Brasile uscì sconfitto per 2-0 dallo Stadio Delle Alpi. Il commissario tecnico del Brasile Dunga era uno dei calciatori brasiliani che assistette al fatto e proprio in occasione della partita di qualificazioni, ha fatto ritirare tutte le bottiglie presenti nello spogliatoio e rilasciate dall’AFA.

Leave a Reply