#EuropaLeague: le dichiarazioni di Paulo Sousa, Pioli e Sarri

Europa-League

Serata agro-dolce per le italiane quella di ieri sera in Europa League. La Lazio e il Napoli hanno vinto, offrendo ottime prestazioni. Mentre a non convincere è stata la Fiorentina capolista in Serie A e invece ora ultima nel girone di Europa League.

Iniziamo proprio dalla Fiorentina con l’analisi del tecnico Paulo Sousa dopo la sconfitta interna per 1-2 subita dal Lech Poznan.

Ecco le sue parole: “Abbiamo giocato troppo sotto ritmo, merito anche degli avversari che si son chiusi bene e ripartivano con velocità e pericolosità. Va detto che abbiamo fallito tante occasioni per segnare e per sbloccare la sfida e girarla a nostro favore. Vanno fatti anche i complimenti anche agli avversari che hanno giocato una grande partita. Primi in Italia e ultimi in Europa? Sono situazioni diverse, magari anche gli episodi hanno caratterizzato questa classifica. Vedi la Juve prima nel girone di Champions e indietro in campionato”.

Ora analizziamo il successo della Lazio per 3-1 contro il Rosenborg con le parole di Stefano Pioli.

Ecco le dichiarazioni del mister biancoceleste: “Era fondamentale vincere questa gara perchè è un girone davvero difficile ma commettiamo sempre troppi errori. L’espulsione stasera potevamo pagarla cara, in altri contesti la gara la comprometti. Così come il rigore procurato al 93′, per fortuna il risultato era acquisito e che poi tra l’altro Berisha ha anche neutralizzato il tiro. Per il resto sono soddisfatto per la reazione e per l’ottima gara anche in 10 uomini. 7 vittorie su 7 all’Olimpico? Deve essere un nostro punto di forza, ma ora dobbiamo fare punti anche fuori casa perchè sono fondamentali”.

Infine ecco le parole di Sarri dopo la grande vittoria del Napoli per 4-1 in casa del Midtjylland: “Fino al 3-0 è stata una squadra perfetta.Non mi è piaciuta la gara dopo il terzo goal, abbiamo calato la tensione e non deve succedere. Gabbiadini? E’ un grande attaccante, non è una riserva e ci servirà, la stagione è ancora lunga e avrà tantissime opportunità. Dobbiamo fare ancora più attenzione. Chievo? E’ una gara tosta, per vincerla dovremo uscire con le ossa rotte, sarà una vera lotta”.

Leave a Reply