#Serie B 2015/2016, Spezia Calcio

Coreografia-in-Curva-Ferrovia

Dopo l’amarissimo finale di stagione, conclusasi con la sconfitta e la conseguente eliminazione dai Play Off da parte dell’Avellino, Lo Spezia Calcio punta a riconfermare l’ottima stagione scorsa, magari puntando al definitivo salto di qualità. I tifosi ormai sono gasatissimi e sperano in una vera e propria consacrazione per una squadra che da due anni lotta per la promozione. Il confermatissimo Nenad Bjelica in panchina, dovrà dimostrare ancora una volta di essere quel condottiero in grado di far volare in alto le aquile liguri. Per questo, la società del presidente Gabriele Volpi si è mossa molto bene sul mercato, portando giocatori di qualità, pescati per lo più dal Paese natio del mister Bjelica, la Croazia, terra di talenti da un po di tempo a questa parte.

Confermato tra i pali il solito Leandro Chichizola, la società ligure ha deciso di puntare su due giovani croati come Marijan Coric, arrivato a parametro zero e Simon Sluga, in prestito dal HNK Rijeka. Con le conferme di Felice Piccolo e Francesco Migliore, le aquile hanno rinforzato il reparto arretrato con gli acquisti dell’esperto difensore Claudio Terzi dal Palermo, di Krisztian Tamas dal Milan, Sergio Postigo dal CD Leganés e di Ivan Martic proveniente dall’Hellas Verona. Sulla mediana, troviamo tanti volti nuovi provenienti dal campionato croato. Josip Misic, Josip Brezovec, Dario Canadija e Zoran Kvrzic arriva dal HNK Rijeka, mentre il talentuosissimo Mario Stium arriva dalla Dinamo Zagabria, fucina di talenti del calibro di Mateo Kovacic e Luka Modric. In avanti, dopo la conferma del bomber Andrea Catellani autore di 19 gol nella passata stagione, le aquile hanno rinforzato ulteriormente il reparto offensivo con l’acquisto del sempre vivo Emanuele Calaio e il riscatto di Nené dall’Hellas Verona.

Insomma, la squadra di Bjelica non può perdere l’ennesima occasione per poter puntare ai vertici della classifica ed ottenere la tanto ambita Serie A. Purtroppo il computer del sorteggio, non ha pescato una squadra abbordabile per l’esordio in campionato, scegliendo una squadra ostica come il Bari, possibile concorrente per un piazzamento in zona Play Off. Dovendo giocare fuori casa, il tecnico delle aquile avrà il compito di impostare una squadra votata all’attacco per neutralizzare le azioni offensive dei galletti e potrebbe puntare sulla seguente formazione: (4-2-3-1) Chichizola; Martic, Postigo, Terzi, Tamas; Juande, Brezovec; De las Cuevas, Catellani, Situm; Calaiò.

Leave a Reply