UEFA

Olanda, insieme all’Inghilterra e all’Irlanda è stata premiata dalla Uefa. Per loro il premio fair play, che consente di avere una squadra extra in Europa League. Michel Platini ci snobba, la Uefa ci deride.
Ebbene l’Olanda, quella Nazione di cui fanno parte anche i tifosi del Feyenoord, o meglio terroristi che con la scusa del tifo per la squadra di Rotterdam, hanno devastato Roma e distrutto parte di uno dei monumenti più importanti ed antichi della Storia dell’umanità. Piazza di Spagna, Barcaccia, fontana costruita nel 1629 circa da Pietro Bernini ed aiutato dal figlio Gian Lorenzo, autore tra gli altri, della fontana dei Quattro Fiumi e della cattedra di San Pietro. 19 Febbraio 2015, in programma la partita di Europa League tra la squadra capitolina ed il Feyeenord appunto. Nel pomeriggio, terroristi olandesi sparsi per tutta la città ed in alcune zone del centro si vive in una vera e propria guerriglia. Campo de’ Fiori, sotto gli occhi del filosofo Giordano Bruno, i supporters olandesi, alcuni completamente ubriachi, decidono di attaccare le forze dell’ordine e lì inizia una dura battaglia. Oltre 10 i feriti tra le forze dell’ordine ed una trentina di arresti, Campo de’ Fiori devastata. Ma non finisce qui, un altro gruppo di terroristi decidono di umiliare la storia, distruggere l’arte e dare sfogo a tutta la loro ignoranza e stupidaggine. A farne le spese la storica fontana che sorge proprio sotto la scalinata di Trinità dei Monti. Danni permanenti e 110 scalfitture. Roma in lutto, l’arte in lutto, Storia violentata e tutto questo per una partita di calcio. Giorno nero da ricordare, ma non solo. La scorsa settimana arriva la botta finale, il colpo del K.O, che ci umilia, ci deride, ci deprime, ci offende, ci mortifica. E già, perché tra i parametri dell’assegnazione del premio del fair play, c’è anche quello della buona condotta dei tifosi.
Una vergogna, uno scandalo, per un’associazione, la UEFA, che invece di pensare al calcio, si occupa di monetizzare al massimo le entrate e di fare business e soldi. Tante le accuse contro l’associazione Europea calcistica, che riguardano la corruzione, come ad esempio quella nei confronti di Michel Platini. Secondo il Sunday Times infatti, il francese avrebbe ricevuto in “omaggio” alcuni dipinti di grande valore, tra cui un Picasso, affinché sostenesse la corsa della Russia per aggiudicarsi i Mondiali del 2018. Insomma, come dire, te che conosci bene Blatter, perché non ci metti una buona parola per noi?
Se questo è il calcio, allora meglio dedicarsi ad altri sport, dove i veri valori non vengono calpestati e dove la dignità dell’uomo viene rispettata. Ma intanto, mentre noi ci vergogniamo per loro, Michel se la ride e la UEFA ci deride.

Leave a Reply