Torino, ecco chi è Lyanco: il talento serbo-brasiliano strappato alla Juventus!

lyanco

Ci voleva un segnale da parte di Cairo, un segnale forte. La stagione del Torino è stata al di sotto delle aspettative di addetti ai lavori e tifosi, che sognavano un ritorno in grande stile della squadra granata in Europa. L’importante però è continuare ad investire, rinforzare la squadra affinché la società possa ambire realmente alle posizione che gli competono. Ecco perché cercare di buttarsi sul mercato già a questo punto stagione, per cercare di anticipare le avversarie sui talenti più in vista del momento, può essere una buona soluzione: è necessario che il Torino punti sopratutto sui giovani, creando un giusto mix fra quelli nostrani e quelli italiani e mantenendo comunque un nucleo di veterani in grado di fornire la proprie esperienza. Se il buon giorno si vede dal mattino allora, il Toro è sulla buona strada: dopo aver portato a termine i colpi Milinkovic-Savic e Bonifazi, arriva la conferma per il terzo colpo, quello di  Lyanco Evangelista Silveira Neves Vojnovicin arte semplicemente Yanko, difensore serbo-brasiliano del San Paolo. A confermare la buona riuscita della trattativa ci ha pensato il direttore sportivo del club brasiliano, che in un intervista ha confermato di come il giocatore sia stato venduto alla società italiana. L’affare si è chiuso per una cifra di 6 milioni di euro più 2 di bonus, legato alle future presenze, con il calciatore che potrà allenarsi con i prossimi compagni già dalle prossime settimane, in modo da poter essere pronto per la prossima stagione.

C7E9N5lXUAEcDAJ

Lyanco nasce a Vitoria, in Brasile, il 1° Febbraio 1997. Suo nonno paterno, Jovan Vojnović, è nato nella zona serba della Jugoslavia e si è trasferito in Brasile all’età di 7 anni, durante la seconda guerra mondiale. La sua famiglia materna ha anche origini portoghesi. Ha iniziato la sua carriera calcistica nelle giovanili del Botafogo e nel gennaio del 2015 ha ricevuto varie offerte di contratto da altri club brasiliani (Cruzeiro, Palmeiras e Fluminense) per poi trasferirsi al San Paolo. Ha fatto il suo debutto tra i professionisti il 1º luglio 2015, nella partita persa per 1-2 contro l’Atlético Paranaense. Il giovane talento ha deciso nel 2015, dopo aver giocato anche nelle nazionali giovanili del Brasile, di rappresentare professionalmente la Serbia.

090428787-f06f92c0-391b-4ac1-a455-5de767a61a09

Da un un punto di vista tecnico Lyanko è un difensore moderno, il cui ruolo naturale è quello di terzino destro ma che riesce in modo totalmente naturale ad adattarsi al centro. E’ uno di quelli che sanno impostare il gioco, rendendosi inoltre quasi insuperabile sul gioco aereo. Ha tempismo negli interventi e nei recuperi, sa coprire la profondità e ha un fisico importante, essenziale per sopravvivere in Serie A. Ha un ottimo lancio lungo e quando sale, sulla fascia destra, ha anche ottime capacità nel dribbling e nell’uno contro uno. Ha giocato praticamente sempre come interno destro di difesa in una retroguardia a quattro anche se, come detto può benissimo giocare come laterale sinistro. Per le sue caratteristiche, come già detto , è potenzialmente un giocatore capace di giocare in una retroguardia a tre, sia per le qualità in fase di copertura che in quelle di riproposizione di gioco. Il Torino è stato molto bravo ad anticipare grandi squadre europee: su di lui infatti c’erano Atletico Madrid e Wolfsburg ma sopratutto l’odiata Juventus, che voleva prenderlo per poi parcheggiarlo al Sassuolo viste le caselle terminate per i posti da extracomunitario.

Per ricevere sul telefono tutte le news riguardo il Torino, iscrivetevi al nostro canale telegram: telegram.me/TorinoGoal24

Leave a Reply