Tour de France, 7^tappa: presentazione e radiocronaca

By 8 luglio 2016 News No Comments
logo tour de france

Iniziano le grandi salite al Tour de France. La settima frazione presenta infatti la scalata al mitico Col d’Aspin, sebbene affrontato nel versante di solito riservato alla discesa. Per la prima volta dunque gli uomini di classifica verranno chiamati allo scoperto e dovranno impegnarsi in prima persona. La tappa verrà trasmessa in diretta radio a partire dalle 15.30 su http://radiogoal24.it/ e su https://www.spreaker.com/ sul canale RadioGoal24.

PRESENTAZIONE SETTIMA TAPPA

Di lunghezza ridotta rispetto alle giornate precedenti, la settima frazione misura 162,5 km e porta il gruppo da L’Isle Jourdain a Lac de Payolle. I primi 110 km non presentano alcuna difficoltà, poi la corsa entrerà nel vivo con i 7,7 km della Cote de Capvern, un quarta categoria con una pendenza media del 3,1%. Dopo 26 chilometri di pianura inizierà la salita sulla montagna che deciderà la tappa e inizierà a delineare la classifica generale, il Col d’Aspin. GPM di prima categoria, misura 12 km di lunghezza con una pendenza media del 6,5%. L’arrivo non è però posto in cima, e dopo lo scollinamento i ciclisti dovranno affrontare sette chilometri di discesa sull’altro versante e gli ultimi 500 metri in leggera salita verso il traguardo di Lac de Payolle.

FAVORITI SETTIMA TAPPA

Per la prima volta dunque sarà lotta tra gli uomini di classifica, anche se l’arrivo posto dopo una discesa potrebbe frenare gli scalatori puri. Nonostante questo l’uomo da battere sarà Chris Froome (Team Sky), sempre il più temibile sulla prima salita della Grand Boucle. Il più grande rivale è senza dubbio Nairo Quintana (Movistar), a suo agio in salita ma meno in discesa, e per questo in secondo piano. Nel caso i due dovessero decidere di studiarsi a vicenda, potrebbe approfittarne un BMC, con Tejay Van Garderen e Richie Porte che possono sfruttare la superiorità numerica. Una strategia simile può essere intrapresa dall’Astana, con Fabio Aru che può contare sull’appoggio di Vincenzo Nibali, il quale è il maggiore indiziato in caso di attacco in discesa. La Francia punta forte su Romain Bardet (AG2R La Mondiale), Thibaut Pinot (FDJ) e Pierre Rolland (Cannondale Drapac), con Warren Barguil (Giant-Alpecin) che tenterà l’exploit. Nel caso di arrivo in volata tra un gruppo con una ventina di corridori, scalatori esplosivi come Alejandro Valverde (Movistar), Daniel Martin (Etixx Quick-Step) e Joaquim Rodriguez (Team Katusha) diranno la loro. Bisognerà poi valutare le condizioni di Alberto Contador (Tinkoff), ancora in difficoltà dopo le cadute dei primi giorni. Infine non è da escludere l’attacco da lontano di qualcuno già uscito di classifica, come Ilnur Zakarin (Team Katusha), Alberto Rui Costa (Lampre-Merida) e Tony Gallopin (Lotto Soudal).

Leave a Reply