Portogallo-Austria, Alaba sfida Ronaldo per tenere in vita gli austriaci: le probabili formazioni

1734271-36683646-2560-1440

Chi l’avrebbe detto che dopo una sola giornata, Austria e Portogallo dovessero battersi per strappare qualche punto in vista della terza ed ultima partita che deciderà le sorti di entrambe le compagini? Complice una condizione fisica da rivedere e un atteggiamento psicologico da rivedere, l’Austria ha clamorosamente perso contro l’Ungheria, entrata alla fase finale tramite i Play Off al contrario degli austriaci che avevano dominato il proprio girone di qualificazione. Il Portogallo invece, avendo sottovalutato la grinta e la tenacia degli islandesi, sono riusciti a strappare solo un pareggio contro i vichinghi, molto più determinati in confronto agli iberici.

QUI PORTOGALLO. I tecnico Santos del Portogallo, vista la voglia di far punti ma senza concedere nulla agli avversari, potrebbe apportare qualche modifica rispetto all’undici titolare sceso contro l’Islanda, schierando il nuovo acquisto del Cagliari, Bruno Alves, come terzino destro, e Joao Mario nel tridente d’attacco formato da Ronaldo e Nani. Per il resto dovrebbero essere confermati sia Carvalho, Pepe, Guerreiro, Gomes, Moutinho e Danilo Pereira.

QUI AUSTRIA. La scoppola presa dall’Ungheria pare aver risvegliato gli animi degli austriaci, pronti a lottare per la vittoria contro il Portogallo. Koller però dovrà fare a meno dello squalificato Dragovic inserendo al suo posto il difensore del Watford, Prodl che affiancherà Hinterregger nel ruolo di difensore centrale. A centrocampo sono confermati Alaba, Juzunovic e Baumgartlinger, mentre l’attacco sarà composto dal tridente Arnautovic, Jantko e Harnik.

Le probabili formazioni:

Portogallo (4-3-3): Patricio; Alves, Carvalho, Pepe, Guerreiro; Moutinho, Danilo, Gomes; Nani, Joao Mario, Ronaldo.
Allenatore: Fernando Santos.

Austria (4-3-3): Almer; Klein, Prodl, Hinterregger, Fuchs; Alaba, Baumgartlinger, Juzunovic; Harnik, Arnautovic, Jantko.
Allenatore: Marcel Koller.

Arbitro: sig. Rizzoli (ITA)

Leave a Reply