Islanda-Ungheria 1-1, a Sigurdsson risponde l’autogoal di Saevarsson: report e pagelle

bjarnason.esulta.islanda.portogallo.2016.750x450

Per la seconda giornata del Gruppo F si trovano di fronte le due grandi sorprese: Islanda e Ungheria. Se i primi hanno centrato uno storico pareggio contro il Portogallo di Cristiano Ronaldo, i secondi hanno sorpreso al debutto l’Austria e, chi vincerà oggi, potrebbe mettere una seria ipoteca su un clamoroso passaggio di turno.

LA CRONACA:

Dopo alcuni minuti di studio e di gioco a centrocampo arriva finalmente la prima azione degna di nota, con il colpo di testa di Bodvarsson che, da buona posizione, stacca in solitario ma il suo tiro finisce alto sopra la porta di Király. Al 17′ risponde l’Ungheria con Dzsudzsák che, dopo aver scartato un avversario con una grande finta, scarica un potente sinistro sul quale si immola R. Sigurdsson, bravo a deviare il pallone. Al 31′ grandissima occasione per l’Islanda con Gudmundsson che, dopo un filtrante di Bjarnason, si fa parare il tiro da due passi da Király, bravo nell’occasione a venire in avanti e chiudere lo specchio della porta. Al 34′ rispondono i magiari con Kleinheisler che col mancino prova a trovare il palo lontano con un tiro a giro che finisce, di poco, al lato destro della porta difesa da Halldorsson. Al 38′ la svolta del primo tempo: su un calcio d’angolo in favore dell’Islanda, Király esce in malo modo con Gunnarson che si trova la palla tra i piedi e, accorgendosi dell’arrivo di Kádár, mette davanti il corpo con grande astuzia; per l’arbitro non ci sono dubbi: è calcio di rigore. Dal dischetto parte G. Sigurdsson che spiazza Király siglando il primo, storico, vantaggio della propria Nazionale in tutte le competizioni internazionali. Al 42′ primo giallo del match nei confronti di Gudmundsson reo di aver dato una manata in volto a Kleinheisler. Dopo 1′ di recupero finisce il primo tempo al Velodrome con gli “uomini dei Geyser” meritatamente avanti.

Secondo tempo che si apre con l’ottimo palleggio degli islandesi e le difficoltà nel creare azioni pericolose da parte della Nazionale magiara. La prima chance, però, è proprio per l’Ungheria al 58′ ma il tiro da fuori di Kleinheisler finisce alto. Al 65′ primo cambio per l’Islanda: fuori Gunnarson e dentro Hallfredsson. Al 67′ il Ct ungherese prova la doppia sostituzione: escono Stieber e l’evanescente Priskin e subentrano Nikolic e Bode. Due minuti dopo Finnbogason rileva Bodvarsson. Al 72′ il neo entrato Bode prova a scaldare i guantoni di Halldorsson, ma il suo sinistro da fuori area è molto debole e non crea pericolo. Al 74′ cartellino giallo per Finnbogason che spende un buon fallo tattico ma l’ammonizione gli costerà il prossimo match contro l’Austria. Uno scatenato Dzsudzsák fa ammonire anche Saevarsson, guadagnando una buona punizione al 77′ (una sorta di coner corto) che però non crea nessun pericolo. All’81’ prima ammonizione anche in casa Ungheria: l’arbitro Karasev sventola il cartellino giallo a Kádár dopo un presunto fallo su Finnbogason. All’83’ anche Kleinheisler viene ammonito dopo uno scontro con Bjarnason. All’84’ il cambio che non ti aspetti: il Ct islandese inserisce la leggenda Eidur Gudjohnsen al posto dello stanchissimo Sigthorsson. Terzo cambio anche per i magiari: dentro Szalai per Juhász per cercare il tutto per tutto. All’87’ arriva il clamoroso 1-1: Nagy sulla destra per Nikolic che di prima mette in mezzo e Saevarsson, nel tentativo di anticipare Szalai, infila il pallone nella propria porta per la gioia della panchina ungherese. Al 91′ giallo anche per Nagy per aver allontanato il pallone. Al 93′ rischio incredibile corso da Lang che stende a pochi centimetri dall’area Finnbogason, concedendo la punizione dai 16 metri all’Islanda con Gudjohnsen che, dopo la respinta della barriera, va vicinissimo al goal vittoria.

Finisce 1-1 al Velodrome, con l’Ungheria che mette una serie ipoteca sul passaggio del turno salendo a 4 punti. Due punti buttati per l’Islanda che ora, con 2 punti, si vede costretta a vincere l’ultima partita contro l’Austria. Nel totale un pareggio giusto per quanto fatto vedere dalle due squadre che hanno giocato un tempo a testa.

LE PAGELLE:

Islanda (4-4-2): Halldorsson 5.5; Saevarsson 4.5, R. Sigurdsson 6.5, Arnason 6, Skulason 6; Gudmundsson 5.5, Gunnarson 6.5 (dal 65′ Hallfredsson 5), G. Sigurdsson 6.5, Bjarnason 6.5; Sigthorsson 6 (dal 84′ Gudjohnsen s.v.), Bodvarsson 6 (dal 69′ Finnbogason 5.5).

Ungheria (4-2-3-1): Király 5; Lang 5.5, Guzmics 6, Juhász 6 (dal 85′ Szalai 6), Kádár 5; Gera 6, Nagy 6; Kleinheisler 6.5, Stieber 6 (dal 67′ Nikolic 6.5), Dzsudzsák 6.5; Priskin 5 (dal 67′ Bode 6)

Leave a Reply