Polonia-Irlanda del Nord 1-0, Milik regala il successo ai polacchi: report e pagelle

Milik goal Polonia-Irlanda del Nord

La Polonia, dopo sei gare senza vittorie nei precedenti Europei (2008 e 2012), può festeggiare il primo hurrà. Allo stadio di Nizza, basta un goal di Milik al minuto 51’ per ottenere i primi tre punti e sognare una storica qualificazione agli ottavi. L’Irlanda del Nord si dimostra poca cosa e rischia di chiudere l’Europeo senza lasciare traccia, se non in negativo.

LA CRONACA:

La Polonia viene schierata dal suo CT con il classico 4-4-2: in attacco, accanto alla stella Lewandowski, c’è Milik dell’Ajax, mentre, la difesa è guidata dal granata Glik. L’Irlanda del Nord risponde con un prudente 4-5-1: l’unico riferimento offensivo è l’ex palermitano Lafferty.

Si capisce fin dalle prime battute il copione del match: Polonia che fa la gara, con l’Irlanda del Nord che si chiude in difesa con almeno sette elementi. Lewandowski vuole subito mettere i brividi alla difesa nordirlandese, ma il bomber del Bayern è impreciso nelle conclusioni. Il più attivo dei polacchi è Milik, attaccante dell’Ajax, che dopo aver calciato a lato (10’) e nelle mani di McGovern (29’), al minuto 31’ si divora il vantaggio. Piszczek se ne va sulla destra, pallone per Milik che da pochi metri dalla porta avversaria calcia incredibilmente sopra la traversa. Prima del riposo (39’) è Kapustka a mettere i brividi al portiere nordirlandese, bravissimo a volare e deviare in angolo. L’Irlanda del Nord? Praticamente una squadra che non è mai arrivata dalle parti di  Szczesny, ha subito dieci tiri ed è stata massacrata nel possesso palla (63% a 37%).

O’Neill non è contento della prestazione dei suoi ragazzi e durante l’intervallo effettua il primo cambio, inserendo Dallas per McNair, ma il copione non cambia, perché al minuto 51’ la Polonia passa meritatamente in vantaggio. Bell’azione sul versante destro con Blaszczykowski che serve Milik, bravissimo a controllare e battere l’incolpevole McGovern con un sinistro chirurgico. L’Irlanda del Nord, subìto il goal, prova a farsi vedere in avanti e il CT O’Neill si gioca la carta Washington che prende il posto di Ferguson, ma la Polonia non corre grossi rischi, anzi in contropiede rischia di chiudere definitivamente il match. Prima Blaszczykowski e poi Lewandowski non inquadrano lo specchio della porta. Nell’ultimo quarto d’ora, l’Irlanda del Nord, prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo inserendo anche Ward, ma Szczesny di fatto non viene mai chiamato in causa, mentre la Polonia rischia di raddoppiare con il neo entrato Grosicki.

LE PAGELLE:

POLONIA (4-4-2): Szczesny 6, Piszczek 6.5, Glik 6.5, Pazdan 6, Jędrzejczyk 6.5, Kapustka 6.5 (88’ Peszko ng), Krychowiak 6.5, Maczynski 6.5 (78’ Jodlowiec ng), Blaszczykowski 7 (80’ Grosicki ng), Lewandowski 6, Milik 7.5

IRLANDA DEL NORD (4-5-1): McGovern 6, McLaughlin 6, Evans 5.5, McAuley 5.5, McNair 5.5 (46’ Dallas 5.5), Norwood 5, Baird 5.5 (76’ Ward ng), Davis 5.5, Ferguson 5 (66’ Washington 6), Lafferty 5.5

Leave a Reply