Torino, Ventura: “C’è rammarico per il primo tempo. Il mercato non ci indebolirà”

Giampiero Ventura

Il Torino ha ceduto al Napoli, nell’ultima gara interna della stagione, perché meno motivato? Giampiero Ventura – evidenzia la testata Toronews.net – vede diversamente la debacle contro i Partenopei: “Nella ripresa abbiamo cambiato ritmo, le motivazioni erano diverse. Il rammarico è che nel primo tempo non abbiamo giocato. – ha ammesso il tecnico – Poi ci siamo rialzati, ma era tardi. Abbiamo accettato l’uno contro uno sempre nel secondo tempo e questo va bene. Usiamo la ripresa per ripartire. Molti dei nostri giovani, come Jansson, hanno capito più di qualcosa stasera. Dobbiamo dare loro il tempo di crescere”.

Sarri ha detto prima della partita che la differenza come motivazioni avrebbe pesato. - ha proseguito Ventura nella sua analisi – Certamente c’erano in campo due formazioni di diverso livello. Se perdi che te la giochi non c’è rammarico, ma così resta un po’ l’amaro in bocca. Abbiamo assistito allo show del Napoli per i primi 45 minuti. Questo serve per capire dove vogliamo arrivare. É una sconfitta dalla quale possiamo imparare qualcosa”.

Infine sul futuro, sia a livello personale che della squadra, l’allenatore dei Granata ha precisato: “Ho ancora due anni di contratto, ho rifiutato il Manchester e si sono offesi (scherza, ndr). Quando sono arrivato c’era tanto lavoro da fare e ora qualcosa che è stato fatto sarebbe bello continuare. Non temo che la squadra ne esca indebolita. Abbiamo preso Darmian dal settore giovanile del Milan e lo abbiamo portato al Manchester United. Il ricambio con giocatori costruiti in casa è fisiologico. Altrimenti investi e prendi giocatori già pronti, ma non è questa la nostra filosofia. Se i giovani sono un po’ acerbi, li aspetteremo. Oggi comprare uno come Icardi non avrebbe alcun senso. In estate andrà via un pezzo importante, ma sono sicuro che gli altri faranno un grosso passo avanti”.

Leave a Reply